slot

“La normativa prevedeva che le sale slot fossero chiuse o spostate a più di 500 metri dai luoghi sensibili. Ciò non è avvenuto dappertutto, ho quindi chiesto a tutte le Amministrazioni quali fossero le loro intenzioni e al momento ho ricevuto risposta solo da 3 Comuni: Castel San Giovanni, Rottofreno e in parte Piacenza; anche se da quest’ultima la risposta non è stata molto esaustiva. Gli altri Comuni non si sono fatti sentire”.

Lo ha detto il presidente dell’Acli di Piacenza, Roberto Agosti, in occasione della presentazione della seconda edizione del progetto di prevenzione nelle scuole “Il Gioco che non è Gioco“.

Recentemente Agosti aveva inviato una lettera ai Comuni della provincia per sapere a che punto fossero nel processo di adeguamento alle nuove norme regionali in materia di divieti e limiti a sale giochi e slot.

Commenta su Facebook