L’AGCOM ha pubblicato le Linee guida relative alla classificazione delle opere audiovisive destinate al web e dei videogiochi di cui al Regolamento approvato con delibera n. 74/19/CONS e istituzione dell’Osservatorio permanente per la co-regolamentazione della classificazione delle opere audiovisive destinate al web e dei videogiochi

Il provvedimento adotta le linee guida per la classificazione delle opere audiovisive destinate al web e dei videogiochi e istituisce l’Osservatorio permanente per la co-regolamentazione della classificazione. Quanto alla specificazione dei criteri di classificazione dei videogiochi, il Tavolo tecnico ha proceduto a una proposta di articolazione dei descrittori tematici sulla base delle diverse classi di età.

Nel documento si chiarisce che , vista la complessità della materia oggetto di co-regolamentazione,avuto specifico riguardo alla novità e alla diversificazione dell’ambito oggettivo e soggettivo a partire dalle tipologie di opere audiovisive destinate al web e di videogiochi, l’opportunità di istituire un apposito Osservatorio permanente per la co-regolamentazione della classificazione delle opere audiovisive destinate al webe dei videogiochi, quale sede di interlocuzione tra l’Autorità e le istituzioni e i soggetti interessati relativamente alle problematiche afferenti all’applicazione pratica delle attività di classificazione, alla verifica dell’attualità della persistente efficacia delle previsioni contenuti nelle linee guida, e al monitoraggio dell’evoluzione del relativo settore,garantendo altresì il contributo tecnico dell’Autorità anche in sede euro-unitaria sulla specifica materia della classificazione.

Al Regolamento in materia di classificazione delle opere audiovisive destinate al web e dei videogiochi di cui all’art. 10 del d. LGS. 7 dicembre 2017, n. 203, approvato con delibera n. 74/19/CONS, è apportata la seguente modifica:all’articolo 9, nella tabella, nella colonna “Esposizione del pittogramma”,a)la frase “La scritta“Non adatto ai minori di anni 6”, in bianco, deve apparire a schermo intero prima della diffusione dell’opera per almeno dodici secondi” è sostituita dalla seguente: “La scritta“Non adatto ai minori di anni 6”, in bianco, deve apparire a schermo intero prima della diffusione dell’opera, e complessivamente,con chiara evidenza e leggibilità, per almeno dodici secondi”;b)la frase “La scritta“Non adatto ai minori di anni 12”, in bianco, deve apparire a schermo intero prima della diffusione dell’opera per almeno dodici secondi” è sostituita dalla seguente: “La scritta“Non adatto ai minori di anni 12”, in bianco, deve apparire a schermo intero prima della diffusione dell’opera, e complessivamente,con chiara evidenza e leggibilità, per almeno dodici secondi”;c)la frase “La scritta“Non adatto ai minori di anni 15”, in bianco, deve apparire a schermo intero prima della diffusione dell’opera per almeno dodici secondi” è sostituita dalla seguente: “La scritta“Non adatto ai minori di anni 15”, in bianco, deve apparire a schermo intero prima della diffusione dell’opera, e complessivamente,con chiara evidenza e leggibilità, per almeno dodici secondi”;d)la frase “Le scritte“Non adatto ai minori di anni 18” o“Non adatto ai minori di anni 18 R” devono apparire a schermo intero prima della diffusione dell’opera per almeno dodici secondi e nella parte inferiore dello schermo per tutta la durata dell’opera” è sostituita dalla seguente: “Le scritte “Non adatto ai minori di anni 18” o “Non adatto ai minori di anni 18 R” devono apparire a schermo intero prima della diffusione dell’opera, e complessivamente,con chiara evidenza e leggibilità, per almeno dodici secondi e successivamente nella parte inferiore dello schermo per tutta la durata dell’opera»

 

Il documento contenente le Linee Guida può essere scaricato a questo link

Commenta su Facebook