Print Friendly

(Jamma) Secondo l’Autorità garante della concorrenza britannica alcuni operatori di gioco d’azzardo online avrebbero violato le regole in materia di protezione dei consumatori. Da qui la decisione di avviare un programma di lavoro congiunto con la Gambling Commission per assicurarsi del fatto che i consumatori siano trattati in modo equo da parte degli operatori di gioco online.Lo scorso ottobre la CMA ha aperto un’inchiesta per esaminare eventuali pratiche sleali in fase di iscrizione e promozioni gratuite.

A tale proposito il presidente della Commissione Sarah Harrison ha dichiarato : “Gli operatori di gioco devono trattare i clienti in modo leale e imparziale – ma alcuni lo hanno fatto in modo non troppo chiaro.”

L’ Autorità garante della concorrenza aprirà anche una nuova linea di inchiesta su pratiche sleali che potrebbero limitare i diritti dei clienti a ritirare i soldi nei loro conti di gioco e scommesse on-line.  Gli operatori di gioco sono tenuti a verificare l’identità dei loro clienti per soddisfare sia le norme antiriciclaggio che la responsabilità sociale. Tuttavia alcuni potrebbero aver applicato queste disposizioni in modo restrittivo impedendo ai consumatori di ritirare i loro soldi dai conti.

Commenta su Facebook