Print Friendly

La rivoluzione digitale e tecnologica della quale siamo spettatori e al contempo protagonisti in questo ultimo decennio ha comportato una serie di notevoli vantaggi accompagnati però, purtroppo, da inevitabili danni collaterali: uno tra i più pericolosi è il gioco d’azzardo ormai a portata di mano, e di click.


Il fatto che esista una realtà parallela e virtuale nella quale è sufficiente essere muniti di smartphone e tablet per accedere, in tempo reale, ad un casinò online e ritrovarsi a partecipare ad un torneo di poker o far girare i rulli di slot machine come quelle di Slotmachine101.it, evitando così spostamenti fisici, traffico e code in auto e fastidiosi sguardi indiscreti di altri avventori, ha decretato il successo del gambling online che continua imperterrito a sedurre giocatori su giocatori, senza dar cenno di rallentare.

A parlar chiaro sono i numeri, da record, perché a giocare sono davvero tutti: solo nell’anno appena trascorso il 54,4% degli italiani (30 milioni circa, ossia il 70% della popolazione maggiorenne) è arrivato a puntare 3.012 euro al secondo che, facendo un rapido calcolo, da 260 milioni al giorno sono arrivati a superare i 95 milioni di euro in tutto il 2016. Di questi, 15,6 miliardi (+19% rispetto allo scorso anno) vanno ai giochi online, confermando una tendenza in forte aumento.

Aggirandoci nelle virtuali sale di questi casinò online scopriamo che ad attirare il maggior numero di giocatori in cerca di fortuna sono sempre loro, le slot machine, che detengono una fetta di mercato del 56% a scapito del misero 19% del poker in versione cash ed in quella torneo, con i suoi “appena” 559 mila giocatori attivi; resta infine una manciata di briciole e di gamers da spartirsi tra i restanti giochi quali virtual betting, skill games , bingo e lotto.

3,4 i milioni di giocatori online al mese, la metà circa dei quali residenti nella parte meridionale dell’italico stivale e, prevalentemente, di sesso maschile: l’83% di giocatori uomini non rischia inoltre di essere scalzato, nonostante un sensibile aumento di 2 punti percentuali, dalle donne che arrivano così a quota 17%.

Interessante anche notare la costanza con la quale cresce il numero di giocatori rientranti nelle fasce d’età under 24 ed over 55, a dimostrazione del fatto che il gambling online catapulta nel gioco virtuale e seduce indistintamente chiunque possegga uno smartphone o un tablet.

Ed i rischi? Sembrano esser minimi.
Stando a quanto dichiarato da Barbara Beltrami (Global Brand Manager di Betsson Group), durante un convegno sul gioco online tenutosi lo scorso aprile al Politecnico di Milano,: “il settore dell’online è ben regolamentato ed è un modello per l’Europa. Gli operatori collaborano per dare ai giocatori un’offerta variegata, competitiva e sicura, nonostante il gioco online venga spesso demonizzato. Si parla di restrizione, di pubblicità, di ludopatia, di gioco minorile, ma questo comparto è il più sicuro ed il settore sta crescendo bene, in modo sano, grazie all’azione degli operatori che stanno portando il gioco illegale nel recinto di quello legale”.
Che si giochi allora, ma responsabilmente!

Commenta su Facebook