Un poker vincente all’ultima mano vale 300 volte la scommessa

Parte domani a Malta l’evento di poker più atteso targato Stanleybet. Il candidato numero uno alla vittoria è dato a 15. Dietro di lui, Iodice e Petruzzelli, a 20. La “voce” di Sky, Riccardo Trevisani, a 30. Si gioca anche sul punto che deciderà la sfida finale.

Attesa finita: domani parte The Poker One, l’evento clou dell’anno targato Stanleybet, arrivato alla quarta edizione. Al Portomaso Casino di St. Julian’s a Malta, fino al 16 giugno sarà spettacolo e battaglia tra grandissimi player, in lotta per un Montepremi Garantito di 300.000 euro.

Alla sfida si potrà anche partecipare “a distanza”, tramite il tabellone delle scommesse di Stanleybet.it, dove il favorito numero uno per il successo finale, a quota 15, è Filippo Candio, soprannominato “Drive On”, primo giocatore italiano ad essersi qualificato per il tavolo finale del Main Event delle Wsop, nel 2010. Dietro di lui, a 20, si trovano Marco Iodice (che nel curriculum ha una vittoria da 150 mila euro all’Ept di Montecarlo, l’anno scorso) e Federico Petruzzelli (giovane ma già più volte piazzato in tornei di alto livello). A 30, un player ricco di esperienza come Giuseppe Caciolo. Fra i partecipanti, anche Maurizio Caressa, ex direttore del canale tematico PokerItalia24, piazzato a 30.

Si può giocare anche sui testa a testa, cercando di indovinare quale dei due player arriverà più lontano. Fra le sfide, in equilibrio quella tra Giuseppe Caciolo e Stefano Fiore (entrambi a 1,85), mentre Andrea Borea (1,78) è favorito sullo svedese Pontus Magnusson (1,93) e Candio batte nel pronostico Petruzzelli (1,65 contro 2,10).

Ma, a prescindere dai giocatori, quale sarà il punto vincente all’ultima mano? L’eventualità che sia una semplice coppia è la più probabile, a 1,40, poi si sale con la doppia coppia (4,50) il tris (8,50), la scala (20), il colore (40) e il full (70). Un epilogo spettacolare con un poker vincente paga 300 volte la posta; si sale ancora con la scala colore (400) e la scala reale (500).

Commenta su Facebook