Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Il settore online è in crescita ma dobbiamo fare delle considerazioni: la prima è la vincita. Chi accede al gioco legale sa quale è la percentuale, nel caso dell’online è molto alta, prossima al 95%. Quindi nella raccolta il trend è crescente, ma se consideriamo la spesa effettiva è più ridotto, appena il 5% del totale”. 

E’ quanto dichiarato da Danilo Bottone (Funzionario Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) nell’ambito del convegno “Gioco online: problemi, opportunità e strategie future”, organizzato all’Università degli Studi di Salerno dall’ateneo e dall’Osservatorio internazionale sul gioco.

“L’introduzione di nuovi prodotti fa crescere il mercato solo negli ultimi due anni. La spesa si sposta all’interno dello stesso settore, non c’è penetrazione dell’online sul terrestre che resta decisamente basso, al massimo il 5%, ed evidentemente inferiore ai valori che si registrano all’estero” ha proseguito Bottone.

“La spesa è limitata, i giocatori in genere smettono di usare il conto nell’arco di sei mesi. I giocatori registrati sono per lo più uomini, tra i 25 e i 44 anni. Il mercato si sta spostando verso l’utilizzo di tablet o smartphone, ma non in modo così evidente” ha concluso Bottone.

Commenta su Facebook