Croazia. Il Ministero delle Finanze sta valuando una misura che costringerebbe gli operatori stranieri a legalizzare la loro attività nel paese o, in alternativa , a cessare le operazioni.

L’industria del gioco d’azzardo online in Croazia vale circa € 270 milioni l’anno e il Ministero delle Finanze ritiene assurdo che il governo non stia tassando il settore, considerando lo stato di sofferenza delle finanze pubbliche.

Per la stampa nazionale il settore delle scommesse sportive è già sufficientemente tassato ed è incomprensibile il fatto che si permetta di giocare online attraverso gli operatori non autorizzati. Gli agenti di scommesse legali attualmente versano il 5% dell’importo pagato e i giocatori pagano un minimo del 10% sulle loro giocate , fino a un massimo del 30% delle vincite superiori a 67.000 €.

Il mercato delle scommesse sportive in Croazia non è gestito in regime di monopolio statale, le ldue maggiori catene di scommesse legali, Super Sport e Hattrick-PSK, sono di proprietà privata.

Commenta su Facebook