Print Friendly, PDF & Email

Comtrade Gaming, primo fornitore di tecnologia per l’industria del gioco, ha accolto gli studenti alla 21° generazione nel programma estivo del Comtrade Group, EDIT.

Dal 1996, EDIT (Educazione per i pensatori innovativi) completa le conoscenze accademiche dei partecipanti con workshop e programmi per creare soluzioni software e fornire esperienza aziendale.

Oggi EDIT è il più grande programma estivo per la tecnologia dell’informazione nell’Europa meridionale e orientale.

Allineato con le attuali tendenze del settore, il modulo di quest’anno sfida i partecipanti a sviluppare un chatbot che supporta la tendenza dell’industria del gioco per i giochi multicanale e sui cicli di attività dei giocatori.

Microsoft, la tecnologia multinazionale, ha co-sponsorizzato il programma con i programmi open source Bot Builder SDK e Cognitive Services utilizzati come base tecnica per lo sviluppo del prodotto.

L’interfaccia di comunicazione aziendale simula il comportamento umano nel servizio clienti, nell’acquisizione di dati e utilizza sistemi di elaborazione linguistica naturale (NLP) per le capacità di comunicazione raffinate.

Sviluppato come estensione della iCore di Gaming ComtradeLa piattaforma di gioco Enterprise, il chatbot permetterà ai giocatori l’accesso a giochi basati su casinò, la gestione dei portafogli elettronici, il servizio clienti e i bonus.

“Attraverso la sua storia, Comtrade Gaming ha impiegato una collezione di talenti di EDIT che ora influenzano lo sviluppo del prodotto”, spiega Aleš Gornjec, Direttore Generale di Comtrade Gaming.

“Sfruttando il talento tecnologico orientato alla regione, arricchiamo il mercato e i nostri prodotti. EDIT dimostra che la nostra enfasi sull’innovazione e la tecnologia è impressa in tutti gli aspetti del nostro business”.

I programmi di scuola estiva di EDIT si svolgono a Lubiana, Maribor, Belgrado, Kragujevac, Sarajevo e Banja Luka e hanno ospitato oltre 100 studenti i cui studi si concentrano principalmente sulla scienza informatica e sulle tecnologie dell’informazione.

Commenta su Facebook