Il legame tra loot box e il gioco d’azzardo è stato un tema di primo piano tra i regolatori europei. Ora il governo svedese ha deciso di aprire una indagine ufficiale sulla possibilità di regolamentare il meccanismo del loot box.

Come riferisce il canale televisivo svedese SVT, l’autorità per la  protezione dei consumatori svedese sarà responsabile dell’indagine. Stabilito che il regolatore del gioco d’azzardo Spelinspektionen non effettuerà l’indagine, l’autorità del consumatore contatterà l’entità, nonché il dipartimento nazionale della sanità pubblica e il consiglio dei media per avere la loro opinione sull’argomento.

Il rapporto, previsto per il 1 ° ottobre, aiuterà probabilmente i legislatori a prendere una decisione in merito a una potenziale modifica delle leggi. Diversamente dagli altri paesi europei che hanno già studiato il loot box, la Svezia non sta investigando su particolari fornitori di gioco online.

Il ministro degli affari civili Ardalan Shekarabi ha citato i mercati secondari, come i siti web di skill game.

Le leggi vigenti nazionali stabiliscono che se c’è una posta, un premio e un gioco d’azzardo, si parla di gioco d’azzardo. La discussione ruota intorno alla connessione delle lott boxes al requisito del premio. Alcuni sostengono che il premio non consente di “incassare” oggetti con un valore monetario reale e non li si può definire gioco d’azzardo.