usa
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che il divieto federale sulle scommesse è incostituzionale.

La pronunciaapre le porte a un nuovo panorama delle scommesse legali americane. La Corte era stata chiamata ad esprimersi sul caso del New Jersey contro i quattro principali campionati sportivi pro, la NCAA e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Con un voto di 6-3, la Corte ha annullato la sentenza della Terza Sezione della Corte d’Appello che ha bloccato il piano del New Jersey di autorizzare le scommesse legali nei casinò e negli ippodromi di Atlantic City.

nelal decisione della Corte si dichiara che la Legge sulla protezione degli sport professionali e amatoriali (PASPA) del 1961 viola il decimo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti . La Corte ha affermato che la PASPA “stabilisce in modo inequivocabile cosa può o non può fare una legislatura statale”.

L’opinione della maggioranza dichiara che “la legalizzazione del gioco d’azzardo sportivo richiede una scelta politica importante, ma la scelta non è nostra. Il Congresso può regolare direttamente il gioco d’azzardo sportivo, ma se decide di non farlo, ogni Stato è libero di agire da solo “.

La decisione scatenerà una folle corsa nel New Jersey, che ha già avviato il processo di rilascio delle licenze agli operatori di scommesse sportive.

Ad oggi gli unici Stati ad avere una legislazione in materia di scommesse sono West Virginia e Mississippi , ma la sentenza di oggi, 14 maggio, potrebbe riaprire i giochi.

Per la American Gaming Association “la decisione della Corte Suprema è una vittoria per milioni di americani che vogliono scommettere sugli sport in modo sicuro e regolamentato. Ora è possibile per gli stati creare un mercato di scommesse sportive che protegga i consumatori, preservi l’integrità dei giochi, rafforzi le forze dell’ordine per combattere il gioco illegale e generi nuove entrate per stati, tribù, enti sportivi, emittenti e molti altri. Ora tutta l’attenzione si rivolge agli stati. Già 18 stati hanno introdotto una legislazione per legalizzare le scommesse sportive, altri dovrebbero fare lo stesso. L’AGA sta lavorando a stretto contatto con le parti interessate per garantire che le nuove politiche statali includano aliquote fiscali ragionevoli e regolamentazioni sensibili”.

 
Commenta su Facebook