La Gambling Commission ha pubblicato la sua prima valutazione strategica nazionale. Il documento utilizza le ultime prove disponibili, da un’ampia gamma di fonti e casi di studio, per valutare i problemi ei rischi che il gioco d’azzardo presenta ai consumatori e al pubblico. Definisce le azioni prioritarie della Commissione per affrontare tali rischi e questioni, nonché evidenziare una serie di settori in cui sono già stati compiuti progressi significativi per rendere il gioco d’azzardo più sicuro.

L’amministratore delegato della Commissione Neil McArthur ha dichiarato: “Useremo la nostra valutazione strategica nazionale come base per dare priorità al nostro lavoro nei prossimi mesi e anni.

Non vediamo l’ora di lavorare con il Governo all’imminente revisione del Gambling Act e parallelamente a questo lavoro lavoreremo duramente per affrontare le questioni che abbiamo identificato nella nostra valutazione strategica.

Abbiamo dimostrato di essere disposti e in grado di rispondere rapidamente a problemi e rischi emergenti e che utilizzeremo l’intera gamma dei nostri poteri per proteggere i consumatori. Abbiamo fatto notevoli progressi in molte aree per rendere il gioco d’azzardo più sicuro, ma vogliamo andare oltre e più velocemente”.

La Commissione per il gioco d’azzardo ha anche pubblicato oggi il suo rapporto annuale sulla conformità e l’applicazione, un documento contenente i risultati dell’ampio lavoro di casi del regolatore contro i titolari di licenza e dettagli su dove il settore deve innalzare gli standard.

La relazione di quest’anno illustra come nell’ultimo esercizio finanziario il lavoro della Commissione abbia incluso:

  • Inizio delle revisioni su 49 persone che detengono licenze personali per gestire attività di gioco d’azzardo
  • Sospensione di cinque licenze di esercizio
  • Revoca di 11 licenze di esercizio
  • Emissione di 12 pacchetti di sanzioni pecuniarie di accordi normativi, per un totale di oltre 30 milioni di sterline.
  • Esecuzione di 234 controlli di sicurezza e 33 revisioni di siti web
  • Conduzione di 350 valutazioni di conformità di operatori terrestri e online
  • Gestione di 630 segnalazioni di attività sospette di scommesse, violazioni delle regole sportive e uso improprio di informazioni privilegiate
  • Generazione di oltre 3.000 rapporti di intelligence

Il signor McArthur ha dichiarato: “Possedere una licenza di esercizio o una licenza personale è un privilegio, non un diritto, e ci aspettiamo che i nostri licenziatari proteggano i consumatori dai danni e li trattino in modo equo.

“Il nostro ultimo rapporto mostra che laddove i licenziatari non riescono a soddisfare gli standard che ci aspettiamo, intraprenderemo un’azione dura, inclusa la sospensione e la revoca delle licenze. Mostra anche il modo in cui stiamo spostando la nostra attenzione verso i titolari di licenze di gestione personale: coloro che occupano le sale del consiglio e le posizioni senior devono essere all’altezza delle loro responsabilità e continueremo a chiedere alle persone di rendere conto delle mancanze che sapevano o avrebbero dovuto sapere.

Tutti hanno un ruolo da svolgere per rendere il gioco d’azzardo più sicuro e imparare le lezioni dai difetti identificati in questo rapporto è un modo per farlo“.