Gli stati federali tedeschi stanno lavorando su un nuovo quadro giuridico per il gioco d’azzardo online. Secondo uno studio realizzato da Pwc l’apertura al gioco d’azzardo online non rappresenta una minaccia per le lotterie nazionali.

Nell’azione normativa che la Germania ha intrapreso deve trovare le risposte giuste alla crescente domanda di servizi di gioco d’azzardo online a seguito della digitalizzazione, anche alla luce del fatto che è praticamente impossibile impedire ai giocatori d’azzardo di utilizzare i servizi di gioco d’azzardo online dei  fornitori ‘privati’ ​​al di fuori delle offerte da parte di operatori statali.

Come argomento contro l’apertura del mercato del gioco d’azzardo tedesco ai fornitori privati, si dice spesso che ciò mette in pericolo la redditività economica del monopolio statale della lotteria: il modello commerciale dei fornitori statali della lotteria sarebbe insomma cannibalizzato, il che a sua volta avrebbe un impatto negativo sul contributo significativo dei fornitori della lotteria al sociale.

Fino ad ora non era mai stato realizzato uno studio su questo tema. Lo ha fatto PwC (Regno Unito) analizzando l’impatto del gioco d’azzardo online sul mercato delle lotterie. La ricerca è stata commissionata dal principale operatore internazionale di giochi d’azzardo online GVC Holdings PLC. Lo studio ha esaminato 16 stati dell’Unione europea che hanno introdotto la regolamentazione del gioco d’azzardo online negli ultimi 10-15 anni. È stata inoltre effettuata un’analisi dettagliata sui mercati di Gran Bretagna, Spagna e Danimarca.

I risultati di tutti i 16 paesi mostrano che la cannibalizzazione delle lotterie statali attraverso offerte di privati non ha avuto luogo. Piuttosto, lo studio PwC dimostra che le lotterie hanno continuato a crescere negli anni successivi all’introduzione della regolamentazione del mercato del gioco d’azzardo e che lo sviluppo del mercato della lotteria non è correlato all’introduzione della regolamentazione o allo sviluppo del mercato del gioco d’azzardo online.

L’analisi dimostra che il mercato della lotteria da un lato e il mercato dei casinò online e delle macchine da gioco dall’altro sono mercati diversi con target fondamentalmente diversi. Ad esempio, i clienti delle offerte di gioco online sono significativamente più giovani dei clienti della lotteria, di cui solo una piccola parte si avvale dell’offerta online di giochi della lotteria.

Si è cercato di capire anche se la regolamentazione del mercato del gioco d’azzardo online porterebbe alla perdita del monopolio della lotteria statale. Secondo la ricerca il monopolio della lotteria è stato mantenuto in tutti gli Stati che hanno aperto i loro mercati del gioco d’azzardo. La Corte di giustizia europea ha ripetutamente confermato la legalità di questa procedura.

Martin Lycka, Direttore Regulatory Affairs di GVC Holdings PLC: “GVC ha sempre accettato e rispettato la posizione che i monopoli statali della lotteria hanno sul mercato e non aspiriamo a competere con loro. Lo studio dimostra oggettivamente che il gioco d’azzardo online non rappresenta una minaccia per i monopoli delle lotterie statali o per la crescita del mercato delle lotterie statali. Riteniamo che questo sia un contributo importante al dibattito sul futuro del gioco d’azzardo online in Germania. “

Kenny Alexander, CEO di GVC Holdings PLC: “Siamo fermamente convinti che con un una soluzione moderna di accordo di gioco statale, la Germania può indirizzare la crescente domanda di servizi di gioco digitale come le scommesse sportive, casinò online o poker in canali regolamentati e supervisionati. L’esperienza in altri mercati europei dimostra chiaramente che regole restrittive alle scommesse, indipendenti dal reddito,  aumentano il rischio di emigrazione verso il mercato nero incontrollato. Un quadro giuridico solido ed economicamente valido è il modo migliore per garantire che i consumatori ricevano gli elevati standard di protezione dei fornitori di licenze e che le agenzie governative possano incamerare le tasse a cui hanno diritto “.

Commenta su Facebook