Spagna. Il  GGR  del trimestre è stato di € 182,69 milioni, ovvero un calo del -15,39% rispetto al trimestre precedente e del -5,19% rispetto allo stesso trimestre del 2020.

depositi  e  prelievi  dei giocatori, i loro tassi di variazione sono diminuiti rispetto al trimestre precedente rispettivamente del -5,52% e del -5,56%. Le spese di  marketing hanno  registrato un calo del -28,76% rispetto al trimestre precedente e i  nuovi conti sono  diminuiti del -25,07% rispetto al trimestre precedente. 

Nella  analisi del GGR da  gioco segmento , si osserva che:

I 182,69 milioni di euro di GGR sono distribuiti in 59,16 milioni di euro in Scommesse (32,38%); € 3,51 milioni in Bingo (1,92%); € 100,33 milioni al Casinò (54,92%), € 0,10 milioni ai Concorsi (0,06%) e € 19,58 milioni al Poker (10,72%).

Il comparto  scommesse  ha un tasso di decremento rispetto al trimestre precedente del -35,67% e del -28,61% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Le scommesse sportive sono diminuite del -57,5% e dal vivo sono diminuite del -20,43% rispetto al trimestre precedente. 

Il  bingo  ha registrato una crescita del 7,59% rispetto al trimestre precedente e una diminuzione del -9,72% rispetto allo stesso trimestre 2020.

Nel segmento dei  casinò  si registra una crescita dello 0,48% rispetto al secondo trimestre del 2021 e un tasso di variazione annuo positivo del 22,64%. Questa crescita annuale si verifica nelle slot machine con il 30,72% e nella roulette dal vivo con il 22,28% e le loro variazioni trimestrali sono rispettivamente del 7,5% e -9,45%. In questo trimestre, la roulette  ha ridotto il suo tasso rispetto al trimestre precedente del -13,7% e del -12,31% del tasso annuo.

I concorsi in questo trimestre sono diminuiti del -79,51% e del -91,00% in variazione annuale. Questo segmento presenta un andamento irregolare con tassi di variazione annui nel terzo trimestre pari a -85,02% nel 2018; 128,23% nel 2019; 58,38% nel 2020.

Il  poker  presenta il terzo trimestre del 2021 un calo del -3,74% rispetto all’ultimo trimestre e del -14,72% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Il poker da torneo diminuisce con un tasso di variazione trimestrale del -11,62% e una variazione annua del -23,27%. Il cash poker è aumentato del 14,91% rispetto al trimestre precedente e del 6,98% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Le spese di marketing  del trimestre sono state di € 89,65 milioni, suddivise in spese di affiliazione € 8,66 milioni; 1,6 milioni di euro di sponsorizzazione; promozioni 43.25; e pubblicità € 36,15 milioni. Rispetto al trimestre precedente la spesa è diminuita del -28,76% e -41,26%  per effetto del decremento di tutte le voci, evidenziando il calo della pubblicità rispettivamente del -39,31% e -30,41%. Rispetto all’anno precedente, i tassi sono negativi in ​​tutte le tipologie di commercializzazione. In questo trimestre le promozioni si articolano in bonus erogati in premi di 18,55 milioni di euro e non compresi in premi di 24,69 milioni di euro.

La media mensile dei  conti gioco  attivi è di 915.259, il che implica un decremento del -7,66% rispetto al trimestre precedente e una variazione annua del 3,79%. La media mensile dei nuovi account è di 173.224 utenti, con un decremento trimestrale del -25,07% e del -47,55% annuo.

Dei 78 operatori in concessione, nel terzo trimestre 2021 hanno operato i seguenti operatori per ciascuno dei segmenti di gioco:

  • Scommesse: 45
  • Bingo: 3
  • Casinò: 54
  • Concorsi: 2
  • Poker: 9