Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Quello che cerchiamo di fare è rispettare i pilastri e le radici di questa società mettendo le persone al centro dell’attenzione. Sono loro che ci permettono di fare quello che facciamo”.

E’ quanto dichiarato da Emilio Petrone, CEO Sisal Group, nell’ambito della presentazione del Rapporto di Sostenibilità 2016.

“Da qualche tempo – aggiunge -, stiamo lavorando ad un archivio storico che ci ricorda come il filo conduttore della nostra attività sia sempre stata la ricerca dell’innovazione. Siamo contenti che sia stato raggiunto l’accordo Stato-Regioni, ad oggi sappiamo non essere troppo chiaro, sarà compito dell’amministrazione e del sottosegretario dare compimento a questo accordo. Quello che ci preoccupa di più è la sopravvivenza di certe norme locali che sono state raggiunte in modo disordinato. Quello che ci piace è il fatto che si tenda a dare omogeneità alle norme. Noi siamo un concessionario, siamo il braccio operativo dello Stato ed è importante che le regole continuino ad essere rispettate. Il settore è regolato in modo strutturato, stiamo attenti a non fare passi indietro. Abbiamo messo in campo molte iniziative, a sostegno dello sport, per la ricostruzione di Amatrice, ma credo si possa fare ancora di più. Cercheremo di essere più strategici. Nella tutela del giocatore – spiega Petrone – abbiamo lavorato per rendere i giochi più sicuri. Li facciamo testare e certificare perchè siano intrattenimento e divertimento. Con la formazione riusciamo ad intervenire su chi ha un rapporto problematico con il gioco, potremo fare di più analizzando meglio questo fenomeno”.

Petrone si è quindi rivolto agli stakeholder: “La nostra azienda è cresciuta di pari passo allo sviluppo della società italiana, intrecciando indissolubilmente la propria storia con quella di un Paese che in settant’anni ha affrontato sfide e opportunità. Come in origine, Sisal vuole continuare a essere presente nella società generando insieme alle opportunità di business, valore e benessere condiviso. La promozione di un modello di gioco equilibrato e consapevole rimane una delle nostre priorità più rilevanti. Vogliamo rispondere alle richieste dei nostri consumatori, offrendo prodotti sicuri e considerando anche l’impatto in termini di sostenibilità. Per questa ragione per noi è prioritario sostenere il programma di Gioco Responsabile, centrato sull’intrattenimento, sul divieto di gioco ai minori, con particolare attenzione alla tutela delle fasce di consumatori più vulnerabili, e sulla prevenzione e contrasto del gioco illegale”.

 

Commenta su Facebook