LeoVegas

LeoVegas sta effettuando cambiamenti strategici sia sul mercato del Regno Unito che in merito all’organizzazione del Gruppo.

Durante il primo trimestre i marchi per i quali Rocket X fornisce servizi gestiti verranno migrati sulla piattaforma tecnica del Gruppo, mentre il marchio Royal Panda lascerà il Regno Unito per concentrarsi invece su mercati in rapida crescita in Europa e nel resto del mondo.

Ciò si tradurrà in un’operazione più mirata ed efficiente che utilizza pienamente le economie di scala in termini di tecnologia, prodotto e organizzazione. A seguito del lavoro di miglioramento dell’efficienza della società, viene pianificato un trasferimento in nuovi uffici a Malta. Queste varie iniziative porteranno a risparmi annuali sui costi di circa 3,7 milioni di euro. I costi di ristrutturazione una tantum di 6,1 milioni di euro saranno addebitati al risultato operativo per il quarto trimestre. LeoVegas sta inoltre rilevando una perdita per riduzione di valore di circa 10 milioni di euro sul suo investimento in Royal Panda.

Il mercato britannico dei giochi online è cambiato radicalmente negli ultimi anni, ad esempio per quanto riguarda le esigenze più rigorose in materia di conformità e tasse di gioco più elevate. Allo stesso tempo, dopo il commercio e le attività di IPS (marchi gestiti da Rocket X) e Royal Panda, LeoVegas ha condotto le sue operazioni nel Regno Unito su tre piattaforme tecniche separate e con tre organizzazioni leggermente separate, il che ha portato a una complessità interna. Di conseguenza, nel 2019 le attività di marketing per LeoVegas UK e Rocket X sono state integrate in un’unica unità.

Il Gruppo sta ora facendo il passo successivo migrando il portafoglio di marchi gestiti da Rocket X da una soluzione di terze parti alla piattaforma multibrand propria del Gruppo Rhino, dove tutta la tecnologia è di proprietà e gestita da LeoVegas. Parallelamente a ciò, Royal Panda sta abbandonando il mercato del Regno Unito, il che implica che tutte le operazioni associate al Regno Unito in futuro saranno guidate sulla stessa piattaforma tecnica e con un’organizzazione congiunta per tecnologia, prodotti, servizio clienti, marketing e conformità.

Le iniziative strategiche sono state avviate durante il quarto trimestre del 2019 e dovrebbero essere ampiamente completate durante il primo trimestre di quest’anno. Si prevede che le misure genereranno sinergie di costo in settori quali marketing, prodotti, pagamenti e servizio clienti e comporteranno una riduzione della complessità nella conformità. I risparmi annuali relativi al Regno Unito sono stimati a circa 2,0 milioni di euro dopo che la migrazione è stata completata e consistono principalmente in minori costi di piattaforma e di prodotto e un’organizzazione più efficiente.

Nel quarto trimestre Royal Panda ha registrato vendite nel Regno Unito per circa 1,1 milioni di euro con una redditività negativa e non si prevede che genererà entrate significative nel primo trimestre del 2020. Entrate per le restanti operazioni nel Regno Unito, costituite da 13 marchi tra cui LeoVegas, 21.co.uk e BetUK sono cresciute del 15% nel quarto trimestre rispetto al terzo trimestre e hanno mostrato una buona redditività.

L’attenzione di LeoVegas sull’efficienza e il controllo dei costi durante lo scorso anno, comprese le misure ora comunicate nel Regno Unito, hanno contribuito a un’organizzazione molto più ottimizzata con processi migliorati. Il numero di dipendenti equivalenti a tempo pieno nel Gruppo è diminuito da poco meno di 900 a circa 800 nell’ultimo anno. Il Gruppo ha quindi deciso di annullare il contratto per una nuova sede più ampia a Malta nel 2021 e rimarrà invece nelle strutture esistenti per il prossimo quinquennio. I risparmi sui costi annuali rispetto alla mossa pianificata in precedenza ammonteranno a 1,7 milioni di euro all’anno.

Le iniziative daranno luogo a costi di ristrutturazione complessivi di 6,1 milioni di euro, che verranno addebitati al risultato operativo (EBIT) per il quarto trimestre. I costi sono principalmente correlati a cancellazioni anticipate di accordi di terze parti su piattaforme e prodotti, penali per la cancellazione del nuovo contratto di locazione a Malta, costi di interruzione per le operazioni di Royal Panda nel Regno Unito e deterioramento delle attività immateriali di LeoVegas Gaming accoppiate alle precedenti sullo sviluppo tecnologico di Rocket X. Inoltre LeoVegas sta rilevando una perdita per riduzione di valore di circa 10 milioni di euro per il suo investimento in Royal Panda. Tutti i costi citati saranno riportati come voci che incidono sulla comparabilità nel rapporto intermedio del quarto trimestre. L’utile operativo nel quarto trimestre includerà anche una plusvalenza di 11,4 milioni di euro derivante dalla vendita precedentemente comunicata della controllata Authentic Gaming, che verrà inoltre riportata tra le voci che incidono sulla comparabilità.

“Le iniziative strategiche che stiamo realizzando creeranno le condizioni ottimali per avere successo nel grande, ma allo stesso tempo complesso, mercato del Regno Unito”, commenta Gustaf Hagman, CEO del Gruppo.

“Il consolidamento dei marchi nella stessa piattaforma contribuirà a grandi economie di scala nel Gruppo, sia permettendoci di utilizzare pienamente la nostra tecnologia multibrand sia attraverso un’organizzazione più efficiente. Già durante la seconda metà dello scorso anno, i marchi gestiti LeoVegas e Rocket X nel Regno Unito hanno iniziato a comportarsi favorevolmente e la nuova struttura ci offre un buon punto di partenza per aumentare sia la crescita che la redditività nel mercato britannico nel 2020. Allo stesso tempo, Royal Panda – che ha lottato con prestazioni scarse nel Regno Unito ma ha ottenuto buoni risultati in altri mercati – può ora concentrarsi completamente sulla crescita al di fuori del Regno Unito e anche lanciare il marchio in un paio di nuovi mercati dentro e fuori dall’Europa”.