codere
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – La Fondazione Codere parteciperà oggi al IV vertice iberoamericano sul gioco, la cui quarta edizione si terrà presso il Centro Congressi della città colombiana di Cartagena de Indias e riunirà regolatori chiave e personaggi di riferimento dell’industria per discutere le sfide che il settore dovrà affrontare nel contesto globale, con l’obiettivo di migliorare i meccanismi di regolamentazione e lo scambio di informazioni tra le imprese e le varie autorità.

Nell’ambito dei suoi continui sforzi per migliorare i valori del gioco responsabile, la Fondazione Codere dirige tutti i suoi sforzi verso la promozione di politiche e regolamenti appropriati e sostenibili per l’industria del gioco, sia a livello nazionale che internazionale, per garantire la stabilità del quadro normativo e consentire agli operatori di gioco di offrire agli utenti un’offerta che soddisfi tutte le garanzie.

Germán Gusano, direttore della Fondazione Codere, ha riassunto il compito principale della Fondazione: “Per raggiungere lo sviluppo sostenibile del settore del gioco d’azzardo, legalità e responsabilità dovrebbero formare un binomio permanente, basandosi su un quadro di dialogo continuo tra il contesto normativo, il settore delle imprese e la società civile. Il risultato principale deve essere quello di proteggere clienti e gruppi vulnerabili contro le irregolarità, disturbi o eccessi nelle loro attività di svago e intrattenimento tramite i diversi tipi di gioco che possono essere scelti in ogni ambiente. Su questa linea di lavoro, sia in America Latina che in altri mercati regolamentati, dovrebbero essere incoraggiate la trasparenza, la professionalità, il controllo accurato del gioco d’azzardo illegale e l’attuazione delle misure di responsabilità, riconosciute a livello internazionale, che specificamente si applicano a ciascuna delle offerte di gioco. Strategie che inoltre permettono di massimizzare le entrate fiscali, creare posti di lavoro e migliorare le garanzie di qualità per gli utenti”.

A nome della Fondazione Codere, José Ignacio Cases, in qualità di vice presidente, parlerà alla tavola rotonda “Promuovere il gioco responsabile” per “rendere una panoramica sul lavoro dei dieci anni di esistenza della Fondazione, che ha offerto la propria collaborazione in tutti i Paesi in cui il Gruppo Codere svolge la propria attività, operando per ottenere una migliore comprensione delle normative esistenti e della percezione che la società civile ha su questi temi, prendendo tutte le precauzioni del caso per combattere le situazioni di gioco problematico”.

Questa tavola rotonda – che sottolinea l’assoluta necessità di meccanismi e politiche pubbliche per la prevenzione e la promozione del gioco responsabile come impegno da parte di operatori, produttori e autorità di regolamentazione del settore dei giochi – sarà moderata da Miguel Angel Ochoa Sánchez, presidente dell’Asociación de Permisionarios, Operadores y Proveedores de la Industria del Entretenimiento y Juego de Apuestas de México A.C., è sarà caratterizzata dalla presenza di José Antonio García García, subdirector general de Gestión Y RRII de la DGOJ España, Liliana Viveros Rocha, gerente de Nuevos Negocios de Coljuegos Colombia, Fernando Espinosa Azcárraga, director jurídico en CIRSA México y Luis Coelho, director coordinador del Servicio de Regulación e Inspección del Juego de Portugal.

Il governo della Colombia, attraverso l’organismo di regolamentazione del Ministero delle Finanze, Coljuegos, sarà presente come ambasciatore istituzionale della riunione. Insieme a questo ci saranno anche i regolatori di Perù, Spagna, Portogallo, Repubblica Dominicana, Porto Rico e Paraguay.

Per il Paese, che per combattere la proliferazione del mercato del gioco d’azzardo illegale punta molto sul consolidamento di quello legale e responsabile, il IV Vertice Iberoamericano del gioco è un voto di fiducia verso l’industria locale, che è concentrata su uno sviluppo equilibrato attraverso una politica adeguata di gioco che permetta la crescita delle risorse per lo Stato e la sostenibilità e la vitalità degli operatori privati.

Nelle parole di Diego Felipe Navarro, amministratore delegato di Codere Colombia, “è essenziale rafforzare il controllo del gioco d’azzardo illegale, perchè anche se in questo campo abbiamo compiuto notevoli progressi nel corso dell’ultimo anno, questo rimane il flagello principale del settore”.

Per la regolamentazione del gioco d’azzardo online nel Paese si ritiene urgente bloccare i siti illegali, come è avvenuto in altri Paesi come la Spagna, l’Italia e la Romania, legati ad operatori che hanno sviluppato in passato attività illecita cercando libero accesso ai contratti di concessione.

Commenta su Facebook