Il vicepresidente di Veikkaus, l’operatore di scommesse a partecipazione statale, Velipekka Nummikoski ha dichiarato in una intervista televisiva che Veikkaus è pronta a rinunciare alla posizione di monopolio e passare al regime di licenze

Questo può essere visto come la naturale conseguenza delle recenti dichiarazioni del CEO di Veikkaus, Sarekoski, secondo cui la Finlandia potrebbe aver bisogno di cercare alternative al regime monopolistico esistente.

Nell’intervista Nummikoski sottolinea che la regolamentazione del gioco d’azzardo in Finlandia attualmente si estende solo al Veikkaus. D’altra parte, le società di gioco d’azzardo online straniere continuano ad operare senza restrizioni.

Secondo Nummikoski, Veikkaus ritiene importante che il gioco sia a pari condizioni. Le società di gioco straniere non pagano le tasse in Finlandia e non rispettano le normative finlandesi quando si tratta, ad esempio, di limitare i danni del gioco d’azzardo.

Nummikoski fa notare che un sistema di licenze è stato introdotto in diversi paesi europei. In Svezia, ad esempio, le società di gioco d’azzardo sono tenute ad avere una licenza e pagare una tassa sul gioco d’azzardo del 18%.

“Ha raggiunto un tasso di canalizzazione dell’attività di gioco d’azzardo del 90%, che era l’obiettivo dell’intervento. E questo è l’indicatore più importante del successo del sistema. Non vale la pena creare un sistema di licenze che non sia in grado di incanalare il gioco d’azzardo. ” ha detto Nummikoski.

Nummikoski conclude dichiarando che la Finlandia sarebbe un paese attraente per le società di gioco straniere se il mercato fosse aperto e ci fosse un sistema di licenze.

Articolo precedenteScommesse su ippica nazionale, ad agosto diminuiscono le puntate (-9,6%)
Articolo successivoMatchfixing. IBIA su giudice di tennis Chiuruzzi: “Abbiamo segnalato noi l’attività di scommesse sospette. La cooperazione funziona”