Dopo due lunghissimi anni, una manifestazione fieristica in presenza e dedicata al gioco torna a registrare un discreto successo. Enada 2021 va in archivio con piena soddisfazione di visitatori ed espositori.

Questo lascia sperare in una rapida ripresa per il settore dei giochi. Gli ultimi mesi non sono stati facili, agli effetti dell’emergenza Coronavirus vanno aggiunti i ritardi accumulati nell’attività di riordino del settore, annunciata dal legislatore nel 2018 e non ancora avviata.

La situazione attuale vede l’imprenditore del gioco costretto a fare i conti con una struttura normativa su base concessoria che perde validità di fronte alle diverse norme territoriali ispirate da principi in tutela della salute dei giocatori ma caratterizzate da eccessive precauzioni che di fatto si concretizzano in leggi espulsive del gioco pubblico.

In attesa del riordino, che si spera di vedere con le norme della prossima manovra finanziaria, c’è qualche spazio nel mercato del gioco online che in tempi di pandemia ha conosciuto un importante sviluppo.

Anche in questo sottosettore, purtroppo, servono interventi del legislatore. Tutto è confinato nelle attività di meno di 100 concessionari, ma indiscrezioni attestano la presenza sul territorio di oltre 58mila PVR ancora non perfettamente regolamentati.

I PVR sono attività che fornendo servizi e prodotti contribuiscono a portare i giocatori del mercato in presenza verso piattaforme di gioco online, non solo su quelle regolamentate dalla Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM).

Tutto da rifare, invece, per gli apparecchi senza vincita in denaro dove il regolatore ha “buttato il bambino con l’acqua sporca”.

Con lo scopo di mettere al bando i temutissimi totem, che possono consentire il gioco a vincita illegale, le nuove regole ADM hanno messo fuorilegge tutti i giochi senza vincita di denaro. Agli operatori non rimane altro che ricorrere al Giudice.

Questi sono alcuni degli argomenti nell’edizione 167 di Jamma Magazine che è disponibile online e in versione eBooks ai links seguenti:

Jamma Magazine
la versione E-Book da visualizzare sul telefonino.
Per continuare a ricevere la copia cartacea è necessario invece compilare e inoltrare la richiesta di adesione ai nuovi servizi Jamma srl.
abbonati
followertwitter
piacefacebook