Il gioco è fermo fino al 5 Marzo mentre alcune attività stanno riprendendo a seguito del miglioramento dei dati sulla diffusione del contagio da Coronavirus.

Nell’analisi dell’evoluzione della pandemia, arrivati i primi vaccini, siamo obbligati ad approcciare uno schema più pragmatico e ragionare sui tempi di inattività tollerabili oltre che sull’efficacia sanitaria delle misure predisposte.

Si spera che con il nuovo Esecutivo, pur nella consapevolezza del pericolo di varianti del COVID-19 più virali e contagiose, si affermi una nuova strategia di gestione della pandemia con una organizzazione sociale di convivenza con il virus non più strutturata sui divieti ma costruita su rigidi protocolli di comportamento e gestione delle relazioni sociali.

In attesa delle nuove regole in fase di redazione da parte della Agenzia Dogane e Monopoli, l’Amusement italiano teme un nuovo regolamento che servirà solo per imporre il nulla osta a flipper e calcio balilla.

Le Gaming Hall chiedono di ricreare le condizioni per la riapertura con nuovi protocolli e dispositivi di protezione personali, di fare presto per conservare la rete fisica del gioco pubblico.

La scienza ha sviluppato un sistema per la progettazione del RNG con una velocità di 8,05 gigabit al secondo, una buona notizia per la produzione di giochi a vincita che garantirà estrazioni ancora più difficili da predeterminare.

Questi alcuni degli argomenti nell’edizione 160 di Jamma Magazine che è disponibile online e in versione eBooks ai links seguenti:

Jamma Magazine
la versione E-Book da visualizzare sul telefonino.
Per continuare a ricevere la copia cartacea è necessario invece compilare e inoltrare la richiesta di adesione ai nuovi servizi Jamma srl.
abbonati
followertwitter
piacefacebook