Green Pass e nuove abitudini di consumo indotti dalle misure anti-COVID hanno accelerato la fruizione di prodotti e servizi online, così il gioco in presenza ha la necessità di aggiornare l’offerta con soluzioni capaci di attrarre i giocatori.

Proporre nuove soluzioni significa fare investimenti che andranno inevitabilmente a cumularsi con quelli imposti dalle nuove regole che l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha disposto per gli apparecchi senza vincita di denaro e si appresta a definire per i giochi a vincita con il progetto di riordino.

La prossima fiera Enada aprirà una stagione invernale veramente difficile durante la quale le imprese di piccole dimensioni rischiano di pagare il prezzo più alto per garantirsi una partecipazione nel mercato della nuova normalità post COVID.

La speranza è che il naturale bisogno di aggregazione, insito nella natura umana e accresciuto dai divieti anti pandemia, arrivi in soccorso del gioco nelle location fisiche.

Vinceranno la battaglia per la sopravvivenza quelle realtà imprenditoriali che sapranno proporre aggregazioni di giocatori sulla base delle regole e delle esigenze che emergeranno con la nuova normalità. Oltre all’innovazione nei prodotti, sarà determinante una moderna logistica della distribuzione dei giochi, magari con nuovi contratti di collaborazione tra i concessionari e i loro stakeholders.

Questi alcuni degli argomenti nell’edizione 166 di Jamma Magazine che è disponibile online e in versione eBooks ai links seguenti:

Jamma Magazine
la versione E-Book da visualizzare sul telefonino.
Per continuare a ricevere la copia cartacea è necessario invece compilare e inoltrare la richiesta di adesione ai nuovi servizi Jamma srl.
abbonati
followertwitter
piacefacebook