Giochi e scommesse entrano a pieno titolo tra i capitoli della Legge di Bilancio del Governo di Atene. Per il prossimo anno sono previste maggiori entrate per 1 miliardo di euro

Come indicato nel testo della legge di Bilancio statale 2020, presentato ieri al Parlamento, per la prima volta gli introiti derivanti da tasse, commissioni speciali e licenze per i servizi di gioco d’azzardo supereranno il miliardo di euro.

In particolare, si prevede che raggiungeranno 1,094 miliardi di euro, contro 978 milioni di euro nel 2019, ovvero 116 milioni di euro in più , pari all’11,8% in più.

La maggior parte di questa cifra, pari a 801 milioni arriverà dalla tassa riscossa sugli utili lordi di gioco d’azzardo (GGR) . Sono stati iscritti in bilancio anche 155 milioni di euro di entrate provenienti dalla lotteria .

Per quanto riguarda i casinò, il governo prevede un budget totale di 54 milioni di euro. Di questi, si prevede che 37 milioni di euro arriveranno dalla tassazione sul profitto lordo delle società di casinò e 17 dal profitto lordo dei casinò di Corfù e Parnitha.

Inoltre, sono previste € 2 milioni di tasse sui biglietti del casinò.

Le entrate derivanti dalle nuove licenze di gioco d’azzardo online che dovrebbero essere rilasciate entro il  2020 fanno il loro debutto nel bilancio.

In particolare, le entrate stimate delle licenze di gioco d’azzardo online sono state stimate in 75 milioni di euro, come “licenze di servizi di gioco d’azzardo”.

Sulla base di queste previsioni i nuovi operatori sul mercato potrebbero essere circa 15.