L’autorità maltese per il gioco d’azzardo annuncia l’avvio della seconda fase del progetto che consentirà di giocare con moneta virtuale.

A seguito dell’attuazione della prima fase del Sandbox Regulatory Framework a partire dal 1 ° gennaio 2019, che ha stabilito la possibilità per le persone autorizzate di accettare attività finanziarie virtuali (VFAs) come mezzo di pagamento, la Malta Gaming Authority (MGA) annuncia l’avvio della seconda fase del Framework. Durante questa fase, l’MGA accetterà le domande per l’uso di accordi di tecnologia innovativa (ITAs) , comprese le piattaforme di tecnologia di contabilità distribuita (DLTs) e smart contracts.

Advertisement

Oltre a questo l’MGA prolungherà la durata del quadro normativo  fino al 31 dicembre 2021. La guida all’uso di accordi tecnologici innovativi e l’accettazione di beni finanziari virtuali e token virtuali attraverso l’implementazione di un ambiente Sandbox è stata modificato, al fine di includere gli sviluppi successiv . Il sistema di gestione delle relazioni con il licenziatario (LRMS) è stato aggiornato in modo che sia i potenziali titolari di licenze esistenti sia quelli in grado di richiedere l’approvazione del MGA al fine di integrare gli ITAs all’interno delle loro operazioni.

Gli ITAs devono essere controllati da revisori registrati presso la Malta Digital Innovation Authority (MDIA) ai sensi della legge sugli accordi e servizi di tecnologia innovativa (ITAS)  e devono essere accettati solo dall’MGA se il rapporto di revisione contabile è costituito da un parere positivo e l’MGA ha accertato che la persona autorizzata rispetta i requisiti normativi.

Un’approvazione a partecipare al Sandbox Regulatory Framework è subordinata al fatto che il richiedente sia in possesso della relativa licenza rilasciata dall’MGA, fatti salvi altri requisiti normativi derivanti da altre leggi applicabili, incluso il  Virtual Financial Assets Act  e le normative emanate in seguito.