La raccolta 2020 del mercato dei giochi in Italia è stata pari a circa euro 85,7 miliardi e registra un decremento pari a ‐ 22,5% rispetto all’anno precedente. Tale riduzione è sicuramente attribuibile agli impatti avuti in conseguenza delle misure restrittive del Covid poste in essere dal Governo che hanno interessato il settore nel corso dell’anno.

All’interno del comparto industriale del gioco lecito, il Gruppo Gamenet che fa capo a Gamma Bidco rappresenta uno dei maggiori operatori in base alle giocate totali e alla rete distributiva, con euro 5,7 miliardi di raccolta consuntivati al 31 dicembre 2020, mediante una rete di circa 7.821 punti vendita.

Nella tabella seguente è sintetizzata un’analisi dei ricavi per settore operativo con riferimento agli esercizi 2020 e 2019.

2020 % dei ricavi 2019 % dei ricavi euro %
Betting Retail 138.012 31,0% 218.355 29,6% (80.343) ‐36,8%
Online 114.335 25,7% 76.273 10,3% 38.061 +49,9%
AWP 115.958 26,0% 247.411 33,5% (131.453) ‐53,1%
VLT 70.386 15,8% 181.672 24,6% (111.287) ‐61,3%
Retail and Street Operations 6.718 1,5% 14.438 2,0% (7.720) ‐53,5%
Totale 445.409 100,0% 738.149 100,0% (292.741) ‐39,7%

 

I ricavi ammontano ad euro 445,4 milioni al 31 dicembre 2020, con un decremento di euro 292,7 milioni, pari al 39,7% rispetto al valore di euro 738,1 milioni per il periodo chiuso al 31 dicembre 2019 (decremento principalmente riconducibile all’emergenza epidemiologica da Covid‐19).

La raccolta del segmento scommesse retail è stata pari ad euro 975,6 milioni nell’anno 2020 a fronte di euro 1.754,5 milioni nel 2019.

In particolare, le scommesse sportive fisiche passano da euro 1.071,1 milioni nel 2019 ad euro 579,3 milioni nel 2020 (‐45,9%); le scommesse virtuali passano invece da euro 663,0 milioni al 31 dicembre 2019 ad euro 385,5 milioni al 31 dicembre 2020.

Il Gruppo è presente nel settore dei giochi online attraverso la controllata GoldBet. La Società offre ai propri clienti una vasta gamma di prodotti online tra cui giochi virtuali, da casinò, poker, bingo e giochi di previsione attraverso il sito web GoldBet.it.

La raccolta del segmento al 31 dicembre 2020 è cresciuta del 42,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (passando da euro 1.591,8 milioni del 31 dicembre 2019 ad euro 2.262,2 milioni al 31 dicembre 2020).

La sospensione delle competizioni sportive (per alcuni mesi del 2020), già commentata in precedenza, ha comportato un freno anche nel settore delle scommesse sportive online, che registra comunque una crescita della raccolta rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (passando da euro 495,5 milioni al 31dicembre 2019 ad euro 682,5 milioni al 31 dicembre 2020).

Anche i cosiddetti “Casino games” ed i giochi virtuali registrano una forte crescita. La raccolta, infatti, è passata da euro 956,5 milioni al 31 dicembre 2019 ad euro 1.321,2 milioni al 31 dicembre 2020 per i primi e da euro 99,2 milioni al 31 dicembre 2019 ad euro 202,5 milioni al 31 dicembre 2020 per i secondi, crescendo questi ultimi più del 100%. Alla crescita del segmento hanno contribuito:

–         l’impatto “run rate” del passaggio dei conti di gioco di provenienza Intralot, effettuato nel corso del 2019, dalla piattaforma Intralot.it a Goldbet.it (ancor più completa e performante);

–         l’introduzione di nuovi giochi, come la suite Playtech (attiva da settembre 2019);

–         l’incremento dell’offerta di giochi live (in particolare, al 31 dicembre 2020 il Gruppo vanta complessivamente oltre 600 Casino games);

–         ulteriori miglioramenti su sito e app (refactoring grafico e funzionale della sezione depositi e prelievi; inserimento dei virtual games nell’app dello sport betting; reintroduzione dello streaming per lo sport);

–         le attività promozionali di retention/reactivation messe in atto dal Gruppo e l’acquisizione da canale retail;

–         l’introduzione di nuove verticali di gioco, principalmente eLotteries;

–         l’introduzione di una nuova piattaforma “state of the art” durante il mese di ottobre che permette l’introduzione tempestiva (cosiddetto “time to market”) di nuovi contenuti;

–         introduzione di politiche di marketing e CRM mirate.

I ricavi del segmento Online ammontano ad euro 114,3 milioni per il periodo chiuso al 31 dicembre 2020, consuntivando un incremento di euro 38,1 milioni (+49,9% ‐ sostanzialmente allineato alla raccolta) rispetto al valore di euro 76,3 milioni consuntivato al 31 dicembre 2019.

I ricavi AWP ammontano ad euro 116,0 milioni per il periodo chiuso al 31 dicembre 2020, con un decremento di euro 131,5 milioni, pari al 53,1%, rispetto al valore di euro 247,4 milioni del 2019. Tale decremento è dipeso principalmente dalle misure poste in essere dal Governo in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid‐19 che hanno previsto, tra le altre cose, la chiusura di sale giochi (i cosiddetti “canali professionali”, dal 9 marzo 2020) e bar (i cosiddetti “canali generalisti”, dal 12 marzo 2020).

I ricavi VLT ammontano ad euro 70,4 milioni per il periodo chiuso al 31 dicembre 2020, con un decremento di euro 111,3 milioni, pari al 61,3%, rispetto al valore di euro 181,7 milioni per il periodo chiuso al 31 dicembre 2019.