A seguito degli ultimi eventi in Italia, a seguito del decreto emanato dal Primo Ministro, in cui la “zona rossa” del coronavirus è stata estesa a tutta la regione Lombardia, nonché altre 14 Province italiane e in cui sono state annunciate le chiusure di scuole, palestre, musei, discoteche e altri luoghi, tra cui sale da gioco d’azzardo in tutto il paese, Codere riferisce in una nota ufficiale che:

 Le sue 11 sale bingo rimarranno chiuse fino al 3 aprile 2020.

 Il business delle slot sarà soggetto a restrizioni sugli orari di apertura, poiché i bar resteranno aperti solo dalle 6:00 alle 18:00 (in precedenza non c’erano limitazioni). Al 31 dicembre 2019, Codere risulta gestire slot machine in 2.198 bar d’ Italia.

Nel 2019 l’Italia ha generato ricavi per 343 milioni di euro (25% del dato consolidato del Gruppo) e 21 milioni di euro di EBITDA rettificato (8% del dato consolidato del Gruppo).

Codere darà la priorità alla salute e al benessere dei suoi dipendenti e clienti, mentre lavorerà per mitigare l’impatto finanziario a breve termine di queste misure sulla attività italiana.

La Società continuerà a riferire sull’impatto che l’epidemia di coronavirus ha sulle sue attività italiane o su qualsiasi altro mercato che potrebbe esserne influenzato.”