Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Il ministro della giustizia Koen Geens sta lavorando ad un progetto di legge e una serie di decreti attraverso i quali proteggere meglio le persone che partecipano alle scommesse e al gioco d’azzardo. Il ministro limiterà la pubblicità su gioco d’azzardo e scommesse e garantisce più poteri ai comuni su controllo delle agenzie di scommesse e sui giochi d’azzardo negli esercizi pubblici.

Limiti alla pubblicità su gioco d’azzardo e scommesse

La pubblicità sarà vietata nei seguenti casi:

– Durante le trasmissioni live dei concorsi sportivi (indipendentemente dai media). Ciò significa che la pubblicità per i giochi d’azzardo e le scommesse non è consentita durante la pausa della partita;

– Durante i programmi specifici rivolti a bambini e minori e durante i 15 minuti prima dell’inizio e i 15 minuti dopo la fine di questi programmi:

– Divieto di pubblicità delle scommesse sportive online prima delle ore 20 , tranne che nei   programmi sportivi. La pubblicità sarà consentita prima e dopo la trasmissione di un concorso sportivo in diretta durante il pomeriggio. Durante la partita è previsto il divieto.

– La pubblicità di giochi d’azzardo e scommesse è vietata sulle attrezzature e sulle attrezzature sportive delle squadre sportive di minori .

2. Il numero di spot pubblicitari sarà limitato a una sequenza pubblicitaria per operatore di scommesse sportive. Inoltre, saranno trasmessi solo annunci pubblicitari che contengono messaggi relativi al gioco responsabile, incluso il limite di età e il messaggio “Gioca con  moderazione”.

Limitare il gioco d’azzardo nei luoghi in cui si vendono alcolici

In molti caffè del Belgio, ma anche negli esercizi pubblici, ci sono macchine da gioco che operano con scommesse relativamente basse. Si tratta di apprecchi che offrono giochi di carte, dadi, ruote della fortuna o giochi con segni astrologici: ce ne sarebbero circa 6000 su tutto il territorio. Non è necessaria alcuna licenza per il funzionamento di queste cosiddette macchine da gioco di categoria 3.3, che quindi non rientrano sotto il controllo della Commissione per il gioco d’azzardo.

Il ministro ha annunciato che questi apparecchi da gioco passeranno sotto il controllo della Commissione per il gioco e dei comuni. Ogni bar potrà installare al massimo 4 macchine e lavoreranno solo con le monete. Queste macchine devono essere dotate di un lettore di carte di identità elettronico per controllare il rispetto del requisito della maggiore età.

Dall’introduzione della nuova legge i comuni avranno poteri sul rilascio delle licenze di queste macchine. Sulla base di segnalazioni relative all’ordine pubblico in determinati territori, possono presentare un parere vincolante alla Commissione per il gioco d’azzardo affinchè venga rifiutata la concessione della licenza. Inoltre, il sindaco può, in caso di infrazione della legge sul gioco d’azzardo, sequestrare e bloccare le macchine fino a quando la Gambling Commission non contesterà la sanzione. L’obiettivo è quello di garantire un migliore controllo sui luoghi frequentati dai minori .

Riduzione del numero di agenzie di scommesse

Il numero delle agenzie di scommesse sarà gradualmente ridotto da 684 a 600 (il limite attuale è di 1.000).

Il ministro Geens rafforza il ruolo dei comuni nella apertura e nel controllo delle agenzie di scommesse. Le agenzie , come le sale giochi, stipuleranno un accordo con il Comune in merito all’apertura e agli orari di chiusura. Non potranno poi più essere aperte vicino ai luoghi frequentati da minori a meno che il comune intende derogare a questa regola.

Il ministro Koen Geens ha dichiarato  : “È importante intervenire per proteggere dai rischi del gioco d’azzardo.  I giocatori non possono essere ingannati o incoraggiati a spendere sempre più soldi. A questo proposito viene dedicata una particolare attenzione ai minori. Inoltre, ho rafforzato la posizione di controllo della commissione del gioco d’azzardo attraverso i comuni. Vorrei inoltre ringraziare la commissione per il gioco d’azzardo per la sua collaborazione . ”    

“La Commissione è lieta che il ministro Geens stia lavorando per rafforzare il quadro normativo. Ciò comporterà una migliore protezione delle persone vulnerabili e renderà il settore più professionale. La Commissione del  gioco è pronta ad attuare la politica proposta dal ministro Geens ” si legge in una nota ufficiale. Francesco Berni

Commenta su Facebook