Print Friendly

(Jamma) Un sistema di autoesclusione dal gioco d’azzardo a infallibile entro la fine del 2017, registrazione obbligatoria per tutte le scommesse. Sono questi due dei punti su cui si sta concentrando il ministero della Giustizia alle prese con una revisione delle norme sul gioco d’azzardo.

Il ministro Koen Geens ha deciso di intervenire sulla correzione della norme sulla registrazione dei giocatori ( non ancora in vigore)  “alla fine del 2017” . Secondo intervento: per il momento, il sistema EPIS ( sistema informativo sulle persone escluse ) non si applica ai servizi di scommesse in agenzia e alla Lotteria Nazionale. Il ministro vuole correggere ed estendere la tutela dei giocatori.

Per quanto riguarda le agenzie di scommesse terrestri , la sua intenzione è quella di imporre la registrazione dei giocatori: l’accesso sarà consentito a partire da 18 anni, fatta eccezione per i giochi noti come scommesse virtuali in cui l’età legale è fissata a 21 anni.

Per quanto riguarda le agenzie e i punti vendita di prodotti di scommesse offerti dalla Lotteria Nazionale, la responsabilità per il controllo dell’età va al distributore. Se il clienti dovesse rifiutare di mostrare la carta d’identità del cliente l’agente deve vietare la scommessa.

Commenta su Facebook