L’Avvocatura dello Stato difende le misure del DPCM e l’introduzione della sospensione delle attività di gestione così come il funzionamento nelle slot in tutte le sale giochi e gli esercizi commerciali del paese.

Per il pool di giuristi specializzati che rappresenta l’amministrazione statale il DPCM è assolutamento legittimo laddove blocca tutte le attività di gioco legale in considerazione del fatto che “tale sospensione è obiettivamente riconducibile alla necessità fondata sull’evidenza scientifica di diradare le interazioni tra tra persone estranee per contrastare il diffondersi del virus in quanto le predette iniziative economiche incentivano indubbiamente la propensione alle attività sociali, alla permanenza nei locali e agli assembramenti“.

Questa la posizione dell’Avvocatura dello Stato contro il ricorso che alcune imprese hanno presentato al TAR contro il decreto chiedendo la riapertura delle attività.

I Dpcm del Governo per contenere l’emergenza epidemiologica- secondo i ricorrenti- non avrebbero fornito alcuna motivazione per la prolungata chiusura, e avrebbero applicato in maniera indiscriminata il blocco su tutto il territorio anziché limitarla alle sole aree con livello di rischio alto.