Il governo federale austriaco implementerà l’annunciata disaggregazione delle competenze relative alle attività di gioco. Non se ne occuperà più il Ministero delle Finanze e tutte le competenze saranno trasferite a un’autorità indipendente. Lo ha annunciato il vice cancelliere Werner Kogler dopo la riunione del Consiglio dei ministri.

Una nuova autorità di controllo sul gioco assumerà i compiti di supervisione operativa del gioco. Una commissione sarà responsabile delle procedure di autorizzazione e concessione. Devono essere applicate rigorose norme di incompatibilità, trasparenza e conformità.

L’organizzazione si baserà su modelli internazionali e da un anno sono in corso anche i relativi lavori preparatori nel dipartimento.

Dopo il Consiglio dei ministri, Kogler ha affermato che con questo si intende “sbrogliare” i punti di contatto tra gioco e politica. “Sono convinto che con queste decisioni daremo un importante spunto di partenza, anche per quanto riguarda la regolamentazione della dipendenza dal gioco, ma anche per quanto riguarda la regolamentazione di tutte le interrelazioni in questo settore”.