Martedì 2 novembre p.v. si svolgerà la XIX edizione del galà di premiazione delle “Signore dell’Ippica”, tra le premiate il Vice Presidente dell’Anact (Associazione Nazionale Allevatori del cavallo da trotto), Dottoressa Isabella Ceriani, una vera signora, una “quota rosa” allevatrice appassionata dalla “vision” schietta e concreta, che esibisce principi di salvaguardia dei giovani e delle donne.

Un galà di premiazione che ogni anno, in sedi di straordinario pregio, festeggia le eccellenze al femminile che nell’ambito della loro vita professionale abbiano saputo creare un connubio indissolubile con il mondo del cavallo. Il premio ha raggiunto il traguardo delle diciannove edizioni.

“La figura femminile attraversa il mondo ippico a 360° in molteplici ruoli (veterinario, allevatore, artiere, driver, GD, allevatore, ecc.). Ho mantenuto volutamente le definizioni al maschile perché trovo ipocrita la creazione di neologismi che sottolineino il genere: dobbiamo essere consapevoli che per certe professioni non esiste un sostantivo al femminile semplicemente perché per molto tempo noi donne siamo state essenziali, sì, ma anche invisibili! Ho una convinzione profonda che alimenta il mio impegno nel mondo dell’ippica: riportare il mito del cavallo atleta ed eroe nell’immaginario collettivo, farlo rivivere nella cultura diffusa e nella comunicazione per sperare di dare un futuro all’indomita passione che ci anima” ha detto Isabella Ceriani.

ISABELLA CERIANI

Sono nata nel 1952, ho il diploma di maturità classica e 4 anni di medicina e chirurgia. Ho lavorato a livello manageriale e imprenditoriale in parecchi settori, dal tessile per la casa, all’antiquariato, alle discipline bionaturali. Mi sono avvicinata all’ippica in anni “belli” ormai lontani, con mio marito Roberto Ubaldi ho condiviso la grande passione per il trotto ed insieme abbiamo iniziato l’avventura dell’allevamento: il primo puledro allevato interamente da noi, nel 2006, è stato Mago d’Amore, figlio di Do It Wise e del grande Sire Lemon Dra, e con lui ha avuto inizio l’impresa dei cavalli “d’Amore”! Quando Mago nel 2012 si ritira dall’attività agonistica per iniziare quella di stallone, con la sua nuova carriera inizia anche per me una nuova stagione della vita ed un lavoro totalmente nuovo. Credo fortemente nell’allevamento italiano, nella sua capacità di innovarsi, di superare momenti difficili e per questo motivo, forte del contributo dei tanti amici che mi hanno incoraggiata, ho deciso di candidarmi alla vicepresidenza di ANACT e sono stata eletta alla fine di luglio 2020.