mef
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Nel periodo gennaio-febbraio 2018, le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 66,794 miliardi, segnando un incremento di 2,315 miliardi rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (+3,6%). Al risultato contribuiscono sia le imposte dirette sia quelle indirette.

Le entrate dei giochi sono state pari, nel primo bimestre dell’anno, a 2,47 miliardi di euro con una variazione positiva di 160 milioni di euro (+6,9%), rispetto allo stesso periodo del 2017. Lo comunica in una nota il Mef.

Secondo quanto rende noto il Conto Riassuntivo del Tesoro alla voce “Entrate del bilancio dello Stato” supera 1,35 miliardi di euro il prelievo dello Stato su lotto, lotterie ed altre attività di gioco nel periodo tra il 1° gennaio e il 28 febbraio 2018.

Nel dettaglio, 1.065 milioni provengono dal Preu applicato su Awp e Vlt, 179,7 milioni dai proventi del lotto, 43,5 milioni da altri proventi delle attività di gioco, 38 milioni come quota del 40 per cento dell’imposta unica sui giochi di abilità e sui concorsi pronostici, 9,5 milioni come Diritto fisso erariale sui concorsi pronostici e 13,9 milioni come altre entrate.

A questi si aggiungono poi 231 milioni dalle lotterie istantanee, 28,8 milioni dal bingo, 95,2 milioni dai canoni di concessione per la gestione della rete telematica relativa agli apparecchi da divertimento ed intrattenimento e infine 74,6 milioni dalla tassa della fortuna sul Lotto.

Commenta su Facebook