Print Friendly, PDF & Email

Il settore del gioco lecito “ha garantito nel 2017 la riscossione di 10,3 miliardi di euro”. E’ quanto evidenzia il Governo nel Rapporto sui risultati conseguiti in materia di misure di contrasto all’evasione fiscale e contributiva che accompagna la Nota di Aggiornamento del Def.

“Nel comparto del gioco pubblico, l’Agenzia verifica costantemente gli adempimenti cui sono tenuti i concessionari e tutti gli operatori del settore, esercitando una mirata azione di contrasto alle pratiche illegali” si legge.

“Nel comparto dei giochi l’Agenzia mette in atto le iniziative utili per elevare la qualità dell’offerta, soprattutto sotto il profilo della tutela dei soggetti vulnerabili e per combattere il gioco illegale, anche quando è veicolato su reti telematiche da parte di soggetti in difetto di titolo autorizzativo o abilitativo. Per tale finalità, particolare attenzione è riservata al costante adeguamento e sviluppo tecnologico dei sistemi di sicurezza e monitoraggio e al rafforzamento delle attività di controllo, soprattutto per prevenire e reprimere il gioco minorile, anche attraverso una proficua collaborazione con le Autorità di polizia giudiziaria (Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, Polizia locale). E’ anche prevista la promozione di attività di studio e analisi del settore del gioco, volte a meglio conoscere le caratteristiche economico sociali dell’offerta e della domanda, al fine di agevolare le azioni di contrasto dell’offerta illegale e di contenimento delle eventuali conseguenze negative associate”.

Nel Report il Governo ripercorre anche i risultati ottenuti dalla Guardia di Finanza che complessivamente nel 2017 ha effettuato “1.069.578 interventi di polizia economico-finanziaria”. Inoltre, con riferimento anche al settore dei giochi: “nello stesso anno, nell’ambito di un totale di 55.568 deleghe d’indagine svolte dalla Guardia di Finanza su tutto il territorio nazionale, sono state concluse 10.872 indagini di polizia giudiziaria a contrasto dei reati tributari di cui al Decreto 10 marzo 2000, n. 74, di quelli in materia di gioco e scommesse, accise e lavoro sommerso, nonché del reato di contrabbando, all’esito delle quali sono stati complessivamente denunciati 12.375 soggetti e accertati 18.956 reati tributari”.

Commenta su Facebook