“Aiutare i giochi a fare la differenza per il pianeta” è il modo in cui Kate Chambers, Managing Director di Clarion Gaming, ha annunciato la sua iniziativa per affrontare l’epidemia di rifiuti che attraversa fiere come l’ICE di Londra.

Sottolineando il suo impegno per la sostenibilità, ICE London ha stretto una partnership con Ecobooth, la prima società produttrice di eventi a zero rifiuti per l’ICE Graphics Amnesty 2019. L’accordo vedrà Ecobooth e Clarion lavorare con i 589 espositori dell’evento per raccogliere i materiali di scarto che saranno poi riciclati e utilizzati per realizzare una serie di prodotti e arredi per esterni per la comunità locale e utilizzati negli spazi comuni che circondano l’ExCeL London.

Kate Chambers, Managing Director di Clarion Gaming, ha spiegato: “Invitiamo i nostri espositori e partner a collaborare con noi alla prima ICE Graphics Amnesty, un progetto degno e tanto necessario che supporta sia l’ambiente che la comunità locale. Amnesty è il modo perfetto per mostrare il modo in cui la ricchezza dell’innovazione e dell’ingegno riscontrata nel settore dei giochi può essere applicata a questioni più ampie come l’ambiente e la sostenibilità. Gli espositori che scelgono di investire nel progetto non guideranno solo il futuro degli eventi, riceveranno anche una certificazione di ICE Graphics Amnesty da esibire come parte del loro stand durante lo spettacolo. Riconosceremo gli espositori più impegnati per gentile concessione della campagna #icegraphicsamnesty19 sui social media e attraverso i canali di marketing e promozionali di Clarion durante e dopo l’evento”.

Ecobooth, con sede a Londra, fondata nel 2018, ha ideato e brevettato la propria soluzione rispettosa dell’ambiente per riciclare i materiali di scarto creati durante gli eventi trasformandoli in bancarelle riciclabili e riciclate al 100%. L’intero processo è sostenibile con la società che utilizza interamente le energie rinnovabili, utilizzando una flotta di veicoli esclusivamente elettrici e creando zero sprechi nella produzione e nelle operazioni.

Commentando l’iniziativa pionieristica di ICE London, Nick Marks, fondatore di Ecobooth, ha dichiarato: “Questo è un momento importante per l’industria degli eventi, con la posizione che occupa ICE London sulla scena degli eventi internazionali, è davvero incoraggiante vedere un’organizzazione come Clarion Gaming fare da apripista. Sappiamo da un audit che abbiamo intrapreso l’anno scorso che circa 100.000 tonnellate di rifiuti sono state bruciate o inviate in discarica solo da eventi nel Regno Unito e una parte significativa di questo è stata la grafica monouso – il materiale esatto con cui lavoriamo all’ICE. Se riusciamo a riciclare tutto quello che potrebbe finire nel cestino dopo ICE London, allora una quantità enorme di rifiuti smetterà di andare in discarica o all’incenerimento. Speriamo quindi questo ispirerà altri eventi locali e internazionali a seguire l’esempio.

Avendo lavorato nella produzione di eventi negli ultimi 15 anni, è giusto dire che alcune aziende non sono sempre veloci nell’adottare il cambiamento, soprattutto quando si tratta di un costo finanziario, ma è evidente che in questo momento il settore degli eventi non è sostenibile dal punto di vista ambientale. Affinché Clarion possa fare un passo avanti e lavorare con noi per sfidare la norma e guidare il cambiamento, è giusto parlare del loro impegno nel fare le cose meglio”.

Per partecipare all’ICE Graphic Amnesty, gli espositori devono acquistare una borsa unica, attualmente disponibile con una prenotazione anticipata di £ 490 + iva, che verrà poi utilizzata per posizionare tutte le grafiche dello stand e quindi lasciare lo stand per la raccolta dal partner di EcoBooth l’ultimo giorno dell’evento.

Per qualsiasi domanda o richiesta di assistenza, contattare Ecobooth al numero +44 (0) 203 735 9913 o all’indirizzo ice@ecobooth.co.uk.

Per ulteriori informazioni e per sperimentare lo spirito del genio all’ICE London 2019 (5-7 febbraio, ExCeL London, UK), visitare: icelondon.uk.com

Commenta su Facebook