ewa bakun

Gli sponsor di ICE London Consumer Protection Zone (CPZ) hanno già raccolto oltre 30.000 sterline per enti di beneficenza e organizzazioni senza scopo di lucro che lavorano nello spazio di gioco responsabile. La prima ondata di società di gioco che si sono impegnate nella sponsorizzazione comprende: 888 Holdings; ALEA; GVC Holdings Plc; Kindred; LeoVegas e Videoslots.

L’importanza di fornire una piattaforma per il gioco responsabile e guidare iniziative pratiche per proteggere i giocatori in tutto il mondo non è mai stata così grande. Ewa Bakun, direttore dell’Industry Insight and Engagement di Clarion Gaming e la persona responsabile dell’introduzione del CPZ all’ICE London, hanno confermato: “La zona di protezione dei consumatori è un punto focale della fiera di Londra ICE ed è interamente dedicata al gioco d’azzardo responsabile e alla protezione del consumatore. Siamo lieti di avere sponsor di questo tipo che sono direttamente coinvolti nel supportare un approccio progressivo e responsabile al gioco. È incoraggiante vedere così tanti operatori coinvolti in questa iniziativa in quanto i proventi della sponsorizzazione saranno donati a un’organizzazione benefica od a un certo numero di enti di beneficenza, che decideremo in base al feedback dei nostri sponsor mentre la raccolta di fondi continuerà in una corsa verso l’alto durante ICE London. Accanto ai nostri attuali sponsor, non vediamo l’ora di accogliere altri sostenitori della causa, siano essi regolatori, enti di ricerca, agenzie di trattamento o organizzazioni commerciali”.

La Zona di protezione del consumatore, trasferita in un’area ad alta frequentazione nella South Hall di ExCeL London, presenterà le organizzazioni di gioco responsabile più lungimiranti del settore internazionale che parteciperanno a un programma completo di presentazioni e discussioni. Un punto chiave per l’analisi e la discussione sarà offerto dal Responsible Player Journey, che parte dall’idea del gioco al design, attraverso il monitoraggio del gioco, l’interazione, l’intervento e, in ultima analisi, l’auto-esclusione e il blocco. L’agenda del CPZ è stata curata per mostrare come la tecnologia può migliorare gli strumenti di protezione dei consumatori e coinvolgerà i responsabili politici e i regolatori come parte della sessione di networking per i legislatori internazionali.

Gli espositori CPZ confermati fino ad oggi comprendono Gamcare, Gordon Moody, Mindway, Sustainable Interaction e Young Gamblers Education Trust (YGAM). Con Clarion Gaming che ospita organizzazioni di beneficenza e organizzazioni senza scopo di lucro su base gratuita, l’obiettivo è quello di consentire alle organizzazioni di interagire con gli operatori sulle loro innovazioni e, grazie all’impareggiabile portata internazionale di ICE London, contribuire a far progredire il gioco responsabile e la protezione dei consumatori in tutto il mondo dell’industria.

Il numero unico di visitatori che hanno partecipato all’ICE London 2018 è stato confermato come record: 33.536, un aumento dell’11% rispetto al 2017 e un punto di riferimento che ha costituito il settimo anno consecutivo di crescita dell’evento. Nonostante la fiera abbia occupato una sala aggiuntiva all’ExCeL di Londra, la densità è aumentata di anno in anno, con il numero medio di visitatori per stand cresciuto del 17 percento e il numero di visitatori per metro quadrato in aumento del 12 percento. Il marchio ICE London ha anche dimostrato la sua capacità unica di interagire con i professionisti del gioco in tutto il mondo, con un’esplosione di visitatori provenienti da regioni chiave in crescita, in particolare il Nord America (+33%), l’Africa (+23%) e il Sud-Est Asia (+18 percento).

Per ulteriori informazioni sull’ICE London 2019 (5-7 febbraio, ExCeL London, UK), visitare: icelondon.uk.com

Per discutere delle opportunità di sponsorizzazione all’interno della zona di protezione dei consumatori, contattare Ewa Bakun a ewa.bakun@clariongaming.com o per le opportunità di esposizione e branding, Joshua Wright all’indirizzo joshua.wright@clariongaming.com.

Commenta su Facebook