Il Presidente GLMS, Ludovico Calvi, ha partecipato alla Conferenza ICE VOX il 4 febbraio 2018 a Londra, Regno Unito. Faceva parte del panel di alto livello “State of the States: Scommesse sportive negli Stati Uniti”, incentrato sulle prospettive legislative e sull’integrità dello sport nel mercato statunitense in seguito al recente parere del Dipartimento di Giustizia (DoJ) sul Wire-Act.

Calvi ha presentato la missione GLMS e il ruolo delle lotterie nel panorama delle scommesse sportive negli Stati Uniti. Mentre l’intento federale originale di vietare le scommesse sportive legali in tutti gli Stati Uniti era di preservare l’integrità dello sport, purtroppo si è avuto l’effetto opposto con lo sviluppo di un mercato nero massiccio e non individuato. Il Presidente GLMS ha sottolineato l’importanza di un ambiente di mercato delle scommesse sportive regolamentato e sostenibile in ogni stato degli USA e ha ricordato la necessità per tutte le parti interessate pubbliche e private di riunirsi e cooperare efficacemente per stabilire condizioni di mercato economicamente valide. Mentre è importante investire risorse in soluzioni di prodotto orientate al mercato, giochi responsabili e servizi di integrità, è vitale creare un ambiente fiscale fattibile, che consenta alle scommesse sportive regolamentate e legali di competere contro il mercato nero.

Ha poi sottolineato che le lotterie statunitensi sono posizionate molto bene per svolgere un ruolo chiave nel processo di legalizzazione delle scommesse sportive negli Stati Uniti. Gli operatori delle lotterie statunitensi, che offriranno prodotti di scommesse sportive, genereranno valore sui più tradizionali canali verticali di gioco, come è successo nell’esperienza di altre lotterie in tutto il mondo con comprovate storie di successo nei canali sia retail che digitali.

Tuttavia, la sfida più grande, finora, per gli operatori di gioco statunitensi e le lotterie statunitensi, in particolare, è la mancanza di chiarezza e le potenziali conseguenze dannose del parere riveduto del DoJ sulla legge.

Commenta su Facebook