Print Friendly, PDF & Email

Dal 14 al 16 marzo 2018 chi ha a cuore il divertimento – quello sano, formato famiglia – non può che essere a Riccione. Per il secondo anno consecutivo, FEE EXPO sceglie la città simbolo della movida della riviera romagnola per mostrare a operatori di settore, curiosi e amanti del genere, le novità e il top di gamma dell’only amusement, il cosiddetto comma 7 per la legge italiana.

 

Da mercoledì 14 a venerdì 16 marzo il Palacongressi di Riccione ospita oltre 40 espositori – aziende che rappresentano la migliore e più solida tradizione italiana del settore – in occasione della manifestazione ideata e costruita su misura per il comparto del puro divertimento dal consorzio FEE (Family Entertainment Expo) esattamente un anno fa, per la prima volta in Italia.

 

“Abbiamo sentito la necessità – spiegano dal Consorzio – di creare un appuntamento nostro per rimarcare le differenze che ci separano dal gioco con vincite in denaro. Se vogliamo, come è giusto e naturale che sia, che la legge e l’opinione pubblica ci considerino una realtà completamente altra rispetto al gioco d’azzardo, in tutte le sue differenti sfumature e gradazioni, dobbiamo mantenere una identità chiaramente distinta sempre, anche in ambito fieristico. Il successo – continuano i vertici FEE – dell’appuntamento dell’anno scorso a Riccione e poi di quello autunnale a Roma e le adesioni entusiastiche rispetto a quello che stiamo per inaugurare ci confermano che la nostra è stata una scelta giusta”.

 

Kiddie Rides, simulatori, videogiochi, flipper, calciobalilla, ticket redemption: le ultime novità del mondo del puro divertimento sono in vetrina a Riccione, con un incremento di aziende ulteriormente aumentato rispetto alle scorse edizioni. Una partecipazione, in numeri e qualità, che testimonia che in questo comparto l’Italia ha molto da dire e da dare e ha le carte in regola per essere competitiva nel mondo.

 

“Il nostro settore però – puntualizza il consiglio direttivo del Consorzio – non può essere penalizzato da una legislazione ambigua e demagogica, troppe volte in cerca di capri espiatori simbolici che in realtà nulla hanno a che vedere con i gravi problemi legati ad azzardo e ludopatia. Abbiamo bisogno di una politica seria, onesta e coraggiosa, che chiami le cose con i loro nomi e faccia le doverose distinzioni, siamo i primi a chiedere rigore”.

 

Proprio in quest’ottica, oltre alla parte espositiva, FEE EXPO sarà caratterizzata da molteplici incontri e momenti di approfondimento, giuridici, economici e politici. A cominciare dal convegno, in programma mercoledì 14 marzo dalle 15 alle 17, ‘Giochi senza vincite in denaro: divieti o autodisciplina?’, dove prenderanno la parola giuristi e politici per riflettere sul tema e iniziare a stilare una lista di istanze e priorità da sottoporre ai governanti e alla pubblica amministrazione, facendo fronte comune.

 

Da segnalare, giovedì 15 marzo dalle ore 16.30, un appuntamento di FEE EXPO particolarmente curioso: la sfida “Run for smile”. Una gara all’ultimo sorriso, che il Consorzio FEE lancia coinvolgendo i giovanissimi atleti dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Riccione Sessantadue. Saranno proprio i piccoli sportivi di Riccione Sessantadue a sfidarsi  a squadre al Marathon Runner, il primo kiddie ride (prodotto e distribuito da Memopark, azienda del Gruppo Dedem), che propone ai bambini, rendendoli assoluti protagonisti del gioco, divertenti movimenti coordinati per contrastare la lotta all’obesità e promuovere benessere e crescita culturale e fisica. Vince chi corre (e si diverte) di più, dimostrando a tutti quanto il sano divertimento promosso da FEE non possa che essere alleato del benessere di spirito e persino corpo.

Commenta su Facebook