Il direttore di Clarion Gaming, Stuart Hunter, ha confermato che ICE London rimane in programma per aprile 2022, con la presenza di oltre 450 marchi. Grazie alla forte richiesta dei visitatori, all’applicazione di severi protocolli Covid-19 e all’allentamento delle restrizioni da parte del governo del Regno Unito, l’evento si svolgerà dal 12 al 14 aprile presso l’ExCeL London.

Tuttavia, un piccolo numero di espositori come Merkur, Novomatic e Scientific Games hanno annunciato che non saranno presenti all’evento riprogrammato di quest’anno. Hunter ritiene che questo “ha cambiato le dinamiche di ciò che i visitatori sperimenteranno all’ICE London 2022″.

Con oltre 450 marchi e un supporto significativo da tutti i settori, Hunter ha affermato che Clarion Gaming rimane concentrata sul presentare l’industria del gioco nella sua unione e nella sua forza. Secondo l’esecutivo, le dimensioni dell’evento lo rendono ancora la più grande fiera mondiale del gioco d’azzardo sul mercato: “Come squadra non ci piace mai perdere alcuni dei nostri espositori, ma rispetteremo sempre le loro ragioni che li hanno portati a non partecipare. I nostri sono clienti a vita e stiamo lavorando per aiutare alcuni di loro a mantenere una presenza all’ICE London attraverso la sponsorizzazione e l’hosting dei clienti, oltre a confermare il loro ritorno nel 2023”.

Ha aggiunto: “Ci sforziamo sempre di essere fianco a fianco con l’industria e i nostri clienti, sia nei periodi favorevoli che in quelli più difficili”.

Il direttore ha osservato che il marchio ICE ha sempre rappresentato l’intero mercato dei giochi, comprese le aziende più piccole che fanno affidamento sull’evento per una parte significativa dei loro ricavi annuali.

L’industria ha sostenuto le nuove date di ICE London 2022

Il supporto per le nuove date di aprile è rimasto forte: sondaggi effettuati su 1.300 partecipanti condotti da Explori mostrano che il 74% degli intervistati prevede ancora di essere alla fiera dal 12 al 14 aprile. Le nuove date hanno inoltre assicurato il supporto dell’European Casino Association, garantendo la presenza di una nutrita rappresentanza di operatori europei.

Questa ricerca è stata condotta prima che il governo del Regno Unito annunciasse che, dall’11 febbraio, i viaggiatori internazionali vaccinati non saranno tenuti a sottoporsi a un test Covid-19 all’arrivo in Inghilterra. “Questo è un grande passo che incoraggerà più visitatori a fare il viaggio a Londra e a prender parte all’esperienza ICE”, ha affermato Hunter.

“Inoltre, il governo del Regno Unito è passato al suo Piano A di risposta al Covid-19, che prevede un significativo allentamento delle restrizioni, incluso il termine dell’obbligo di indossare le mascherine e un alleggerimento delle regole applicabili alla certificazione dei passaporti. Da questo punto di vista il Regno Unito e ICE London sono molto aperti agli affari”, ha aggiunto Hunter.

In ogni caso Clarion si impegna a rispettare l’All Secure Risk Assessment Framework del settore degli eventi, stilato con l’obiettivo di fornire una guida alle migliori pratiche da seguire per lo svolgimento di grandi manifestazioni durante la pandemia.

Clarion vuole offrire un’esperienza sicura e fruibile per le imprese

I protocolli sono stati completamente testati attraverso Clarion Events e sono sufficientemente flessibili da rispondere e adattarsi a un panorama dinamico e in rapida evoluzione, ha spiegato Hunter, per garantire che l’esperienza ICE London possa essere sicura e adatta alle imprese: “Sapevamo che tornare agli eventi dal vivo non sarebbe stato semplice ma, dalla nostra esperienza a iGB Live! ad Amsterdam lo scorso autunno, sappiamo anche quanto all’industria manchi la possibilità di partecipare a fiere in presenza, perdendo la capacità di interagire, fare rete e fare affari”.

Ha concluso: “Il team è completamente concentrato sul compito da svolgere e farà tutto il necessario per offrire una celebrazione indimenticabile del settore riunito a Londra”.