consiglio di stato
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il Consiglio di Stato ha pronunciato Decreto sul ricorso proposto da un operatore, rappresentato e difeso dagli avvocati Cino Benelli, Alberto Gallippi, con domicilio eletto presso lo studio Federico Mazzella in Roma, contro Comune di Bolzano per la riforma della sentenza di sospensione per giorni sessanta dell’attività del pubblico esercizio.

«Visti il ricorso in appello e i relativi allegati (omissis);
Vista l’istanza di misure cautelari monocratiche proposta dalla società ricorrente, ai sensi degli artt. 56, 62, co. 2 e 98, co. 2, cod. proc. amm.;
Rilevato che il provvedimento impugnato – al di là del ragionevole dubbio se la contestata violazione dell’art. 1, comma 923, secondo periodo, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 integri una questione di “tutela della pubblica sicurezza”, piuttosto che condurre alla più circoscritta misura dei sigilli ai Totem presenti nel locale – risulta essere stato sospeso nel giudizio dinanzi al T.R.G.A. Bolzano (ordinanza n. 50/2017, pubblicata il 10 maggio 2017), e che dunque sussistono presupposti della estrema gravità ed urgenza per accogliere l’istanza in esame sino alla camera di consiglio del (omissis);
P.Q.M.
Accoglie l’istanza. Fissa, per la discussione, la camera di consiglio del (omissis)».

Commenta su Facebook