Il Tar Liguria ha respinto – tramite ordinanza – il ricorso presentato da una società contro il Comune di Cairo Montenotte (SV) per l’annullamento previa sospensione dell’efficacia, dell’ordinanza sindacale n. 5 emanata dal Comune avente ad oggetto la determinazione di fasce orarie di divieto di esercizio delle sale scommesse e delle sale videolottery di cui all’art. 88 TULPS, nonché di utilizzo degli apparecchi di intrattenimento e svago con vincite in denaro di cui al comma 6 dell’art. 10 TULPS, installati presso pubblici esercizi, circoli privati, tabaccherie, esercizi commerciali vari.

Per il Tar: “Considerato come, nel bilanciamento degli interessi proprio della presente fase cautelare, a fronte di un interesse meramente patrimoniale, appaiano di gran lunga prevalenti le esigenze di tutela della salute pubblica sottese al provvedimento impugnato (TAR Liguria II 20 febbraio 2019 n. 51);

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria (Sezione Seconda), respinge l’istanza incidentale di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato.

Spese della presente fase cautelare compensate”.