Il Consiglio di Stato ha respinto – tramite ordinanza – il ricorso presentato da una società contro il Comune di Cairo Montenotte (SV) in cui si chiedeva la riforma dell’ordinanza cautelare del Tribunale amministrativo regionale per la Liguria.

Per il Consiglio di Stato: “Ritenuto che non sussistano i presupposti per accogliere l’istanza cautelare, in ragione della prevalenza della tutela della salute pubblica dalla ludopatia rispetto agli interessi avanzati dall’appellante; ritenuto che le spese di giudizio della presente fase cautelare seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo;

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta), respinge l’istanza cautelare.

Condanna l’appellante alla rifusione delle spese della presente fase cautelare nei confronti del Comune di Cairo Montenotte, che si liquidano nella somma complessiva pari ad euro 2000, oltre ad oneri di legge”.