Il Tar Bolzano ha rinviato (tramite ordinanza) al 25 novembre 2020 un ulteriore ricorso contro Comune e Provincia di Bolzano in merito al distanziometro. Il tutto in attesa che il Consiglio di Stato dia maggiori indicazioni sui giudizi per revocazione.

In particolare si fa riferimento al provvedimento notificato dal Comune di Bolzano in data 26.11.2018, avente ad oggetto “rigetto dell’istanza di autorizzazione per l’installazione di sistemi di gioco Videolottery (VLT) nell’esercizio “SALA DEDICATA” in Bolzano (…) con ordine di restituire la licenza e rimuovere immediatamente gli apparecchi presenti nel locale e di ogni altro atto relativo, presupposto e conseguente.

Si legge nell’ordinanza del Tar: “Premesso che alla pubblica udienza del 5 giugno 2019 il procuratore della ricorrente ha chiesto il rinvio dell’udienza di discussione, facendo presente che il Presidente della Sezione VI del Consiglio di Stato, con i decreti monocratici n. 2349/2019, n. 2350/2019 e n. 2351/2019, pronunciati in riferimento al ricorsi NRG 4054/2019, 4062/2019 e 4067/2019, tutti intentati alla revocazione della sentenza n. 1618/2019, resa dalla Sez. VI del Consiglio di Stato, in accoglimento della relativa istanza cautelare monocratica, ha disposto la sospensione degli effetti della esecutività della richiamata decisione e, conseguentemente, ha sospeso gli effetti dei provvedimenti di decadenza emanati dalla Provincia Autonoma di Bolzano originariamente impugnati;

considerato che nei propri scritti difensivi le Amministrazioni resistenti hanno espressamente richiamato, a fondamento delle rispettive difese, i principi espressi dalla sentenza n. 1618/2019, resa dalla Sez. VI del Consiglio di Stato, a definizione di una serie di ricorsi in appello, aventi ad oggetto la medesima materia su cui si controverte nel presente ricorso;

preso atto che i procuratori della Provincia Autonoma di Bolzano e del Comune di Bolzano si sono opposti all’istanza di rinvio;

ritenuto che la revocazione proposta avverso la sentenza n. 1618/2019, resa dalla Sez. VI del Consiglio di Stato, sia dirimente per la decisione della presente causa, avendo la stessa ad oggetto questioni identiche a quelle decise con la sentenza n. 1618/2019;

ravvisata, pertanto, l’opportunità di accogliere l’istanza di rinvio;

P.Q.M.

Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa – Sezione autonoma di Bolzano rinvia l’udienza di discussione del merito alla pubblica udienza del 25 novembre 2020, ore 9,30”.