Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) La Corte di giustizia dell’UE ha stabilito che la Commissione europea ha agito nell’ambito dei propri diritti emanando linee guida agli Stati membri su come proteggere i consumatori dai servizi di gioco d’azzardo online. La CGUE ha respinto un reclamo del governo belga secondo cui la Commissione aveva oltrepassato le sue competenze basate sul trattato emettendo gli orientamenti e ha riscontrato che gli orientamenti non interferivano con il diritto degli Stati membri di regolamentare i servizi di gioco d’azzardo online.

Le linee guida, pubblicate nel 2014, contengono una serie di raccomandazioni pratiche volte a promuovere un elevato grado di protezione dei consumatori negli Stati membri e a prevenire i minori dal gioco d’azzardo online. Il governo belga aveva sostenuto che gli orientamenti interferivano con la sovranità degli Stati membri e le loro competenze per regolamentare i mercati nazionali del gioco d’azzardo.

Commenta su Facebook