‘Ogni progetto di riordino del settore gioco legale è fallimentare senza una strategia di contrasto al gioco illegale. Andrebbe risolto definitivamente il problema dei centri trasmissione dati e dell’individuazione del Paese di residenza fiscale dei bookmaker esteri’. E’ quanto dichiara Giovambattista Palumbo, Direttore Osservatorio sulle politiche fiscali Eurispes, oggi a Salerno per il Workshop organizzato da CODERE Italia.

“Ogni progetto di riordino del settore, che non impedisca di aggirare le regole tese a disciplinare i giochi pubblici e legali, è destinato a fallire, o a essere poco efficace – sottolinea . Una compiuta e organica disciplina del settore del gioco legale deve andare di pari passo con un efficiente strategia di contrasto al gioco illegale. Il che è la premessa per una tutela degli interessi dei cittadini, anche sotto il profilo socio-sanitario. È dunque fondamentale impedire ogni fattore di illecita concorrenza (del gioco illegale rispetto al gioco legale), magari anche attraverso l’attribuzione di competenze specifiche agli organi di polizia locale e l’utilizzo di indicatori di rischio. E risolvendo, una volta per tutte, il problema dei centri trasmissione dati e dell’individuazione del Paese di residenza fiscale dei bookmaker esteri”.dichiara

Commenta su Facebook