Più controlli a sale slot e locali con apparecchi da gioco per attuare interventi preventivi e di contrasto del gioco d’azzardo patologico. E’ questo l’obiettivo che Caritas Vigevano con Regione Lombardia e ATS Pavia, appoggiate e condivise dai commercianti vigevanesi, hanno deciso di raggiungere con il ‘Progetto GAP Lomellina’.

L’iniziativa che coinvolgerà anche la Polizia Locale attraverso precisi piani di zona e una mappatura della città e delle relative macchinette da gioco presenti permetterà di avere una foto e un quadro chiaro circa il reale fenomeno del gioco d’azzardo, valutando le zone più sensibili. Il via ufficiale del progetto è programmato per il prossimo gennaio.

Il vice sindaco di Vigevano Andrea Ceffa: “Questo interessante progetto nasce con la chiara volontà di prevenire, regolare, informare e formare circa la piaga sociale della ludopatia. Si tratta di una vera e propria malattia riconosciuta, che crea gravissimi effetti personali e sociali”.

Il progetto GAP – si legge su Vigevano24.it – consiste in definitiva nello sviluppo di una campagna di comunicazione su tutto il territorio Lomellino focalizzata a prevenire e sensibilizzare la comunità locale sul tema delle dipendenze da gioco d’azzardo. Il progetto prevede, inoltre, orientamento, consulenza e sostegno ai singoli e alle famiglie maggiormente a rischio.