Una campagna contro il gioco d’azzardo su 200 pullman di Autolinee Varesine. Dopo la positiva collaborazione avvenuta nel 2018, l’associazione And e Nuove Dipendenze riallaccia i rapporti con la società trasporti per una nuova campagna di informazione sul problema dell’azzardopatia.

Da ieri, 27 gennaio, la campagna è stata riattivata, nell’ambito del progetto “LaReteAzzardoTiVinco” (finanziato da Regione Lombardia, Ente Capofila Comune di Gallarate, sostenuto da molteplici Enti Locali e altri partner pubblici e privati, tra cui le Autolinee Varesine, appunto e l’Associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze). Sono appesi i flyer visibili sugli autobus impegnati nelle linee urbane di Varese, così come su quelli di tutte le 25 linee extraurbane gestite dall’azienda, che coprono gran parte del territorio provinciale da Tradate sino a Luino, dai laghi sino alle valli.

«Nella provincia di Varese, secondo una recente ricerca condotta dall’Istituto Superiore di Sanità, si stima che vi siano almeno 25.000 persone afflitte dalla dipendenza da gioco d’azzardo e più di 20.000 altri individui che mostrano comportamenti di gioco d’azzardo a rischio moderato, senza contare il numero enorme di persone indirettamente travolte, ‘vittime da gioco d’azzardo passivo’, che si stima siano almeno 300.000 in particolare familiari, ma anche amici e altri, ad esempio, nel proprio ambito lavorativo – riporta Daniela Capitanucci di AND- Azzardo e Nuove Dipendenze – una vera e propria epidemia silenziosa».

Marco Regazzoni, addetto stampa delle Autolinee Varesine, commenta: «Nel 2018 la raccolta dai giochi d’azzardo legali nella nostra provincia è stata di 1.546.453.525 euro, con un incremento del 5% circa rispetto all’anno precedente. Il fenomeno con i suoi effetti collaterali quindi ci si può attendere che si stia aggravando. Per questo le Autolinee Varesine hanno accolto nuovamente con piacere l’invito a far parte della rete AzzardoTiVinco, mettendo a disposizione i propri 200 mezzi impegnati quotidianamente nel servizio di linea per facilitare l’accesso alla cura».

«Purtroppo infatti il numero di chi si rivolge ai servizi di presa in carico, sebbene ogni anno sia in aumento, è comunque ancora notevolmente inferiore alle persone in stato di bisogno – prosegue Capitanucci – Da qui, la necessità di rendere maggiormente disponibile a chi ne avesse bisogno l’informazione che è possibile chiedere aiuto a professionisti qualificati, e il supporto delle Autolinee Varesine è prezioso in quest’ottica perché consentirà di raggiungere moltissime persone proprio in uno dei loro luoghi di vita quotidiani: il bus che li porta al lavoro, a casa, a fare la spesa…».

L’obiettivo degli Enti partner aderenti alla rete è infatti proprio quello di sensibilizzare sul disturbo da gioco d’azzardo un ampio pubblico, in modo da facilitare l’accesso allo sportello di ascolto e orientamento a coloro che ne avessero necessità per ricevere consulenze psico-socio-legali e finanziarie ed essere orientati ai servizi.

Chiamando il n. 339-3674668 (stampato anche sulle locandine appese nei bus) sarà possibile concordare un incontro, in modo anonimo e gratuito, con il personale esperto dell’associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze.