Quando sono arrivati alla sua abitazione, hanno trovato un biglietto aereo per la Spagna con un volo in programma per il giorno dopo, i vestiti usati nel corso delle sue rapine e 6mila euro in contanti. I soldi erano il bottino di tre assalti a mano armata al centro scommesse di Usmate Velate (MB) nel giro di un mese. Nell’ultimo colpo aveva però commesso l’errore di abbandonare nel corso della fuga il suo zainetto, con all’interno la pistola da soft-air che puntava sui cassieri del centro scommesse che andava rapinare e il telefono cellulare.

A questo punto – si legge su ilgiorno.it – è stato un gioco da ragazzi per i carabinieri della Compagnia di Monza arrivare al terrore del centro scommesse: un marocchino di 25 anni. Gli uomini agli ordini del maggiore Emanuele D’Onofri avevano gia’ ricostruito, analizzandone anche le immagini riprese dalle telecamere, il modus operandi seguito dal bandito, la rapidità di esecuzione delle rapine a volto coperto, sempre fulminee, la direzione di fuga a piedi.

Ora il 25enne, sottoposto a perquisizione, non ha potuto che ammettere le proprie rese ed è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per rapina. E rinchiuso in prigione a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

Articolo precedenteScommesse e lotta alla corruzione, Coolbet entra a far parte dell’International Betting Integrity Association
Articolo successivoADM, il 31 maggio incontro sulla contraffazione con il Procuratore di Milano Fusco