Anche in Inghilterra tiene banco la questione degli accordi di sponsorizzazione tra i club di calcio e le aziende che si occupano di scommesse. Secondo quanto riporta il “Times”, i ministri del governo britannico si sono impegnati a rivedere il Gambling Act del 2005 e si prevede che inaspriranno le restrizioni sull’apparizione dei brand della società di scommesse sulle maglie delle squadre, con la possibilità di inserire un divieto generico.

L’ipotesi formulata dal Times è figlia delle crescenti pressioni a livello di governance nell’affrontare le relazioni tra calcio e gioco d’azzardo a seguito dell’ascesa di siti web di scommesse e casinò online. Il “Department for Digital, Culture, Media and Sport” (DCMS) ha confermato di essersi impegnato a rivedere le normative sulla commercializzazione del gioco d’azzardo nello sport e, secondo il quotidiano britannico, la sponsorizzazione della maglia nel calcio è una delle aree da sottoporre a revisione.

Un divieto generico – si legge su calcioefinanza.it – segnerebbe il più grande cambiamento nelle normative sul gioco d’azzardo nel Regno Unito in 15 anni e avrebbe gravi conseguenze sui ricavi commerciali per le società professionistiche del calcio inglese.

La metà delle 20 squadre della Premier League, il livello più alto del calcio inglese, ha siglato contratti con aziende che si occupano di gioco d’azzardo per lo sponsor di maglia. Durante la stagione 2019/20, i club della Premier League incasseranno 69,6 milioni di sterline dagli accordi (in qualità di sponsor di maglia) con le società di scommesse.

Nella seconda serie inglese, 15 delle 24 squadre si affidano a società di scommesse per la sponsorizzazione della maglia e la English Football League (EFL), che sovrintende ai tre livelli professionistici sotto la massima serie, potrebbe essere la più colpita da eventuali modifiche alla legge.

Contattato dal Times, un portavoce dell’EFL ha dichiarato: «Il nostro punto di vista rimane che l’industria del gioco d’azzardo dovrebbe restituire un contributo finanziario al calcio, dati i significativi ricavi che genera attraverso le nostre partite senza sostenere alcun costo associato».