Il recente divieto della Gambling Commission stabilito sulle carte di credito si estende ai pagamenti per il gioco effettuati con carta di credito attraverso qualsiasi attività di servizi monetari (MSB).

La nuova condizione di licenza 6.1.2 impedisce agli operatori di gioco di accettare pagamenti con carta di credito direttamente o tramite MSB (come un portafoglio elettronico o altri istituti di moneta elettronica che consentono trasferimenti di moneta elettronica) che consente depositi con carta di credito.

“Una delle nostre intenzioni chiave nel vietare il gioco con le carte di credito era quella di massimizzare i livelli di attrito durante il processo di accesso e utilizzo dei fondi presi in prestito per il gioco, al fine di ridurre il rischio che i consumatori subissero danni dal gioco con denaro preso in prestito. È importante che gli operatori garantiscano che il divieto della carta di credito non può essere facilmente aggirato semplicemente ricaricando un portafoglio elettronico o un conto di trasferimento di denaro online direttamente da una carta di credito, dove tali fondi potrebbero essere utilizzati per il gioco con un attrito minimo nel processo transazionale. Abbiamo spiegato – chiarisce la Gambling Commission – che ciò significa che gli operatori non possono accettare alcun pagamento tramite un MSB a meno che l’MSB non abbia impedito l’uso delle carte di credito per il gioco attraverso i propri servizi. Ciò include, ad esempio, le circostanze in cui un MSB consente ai propri clienti di trasferire fondi da una carta di credito a un portafoglio o conto che potrebbero essere utilizzati dal cliente per effettuare depositi di gioco.

Per maggiore chiarezza e in seguito a specifiche richieste poste dagli operatori, questo include istituti di moneta elettronica come Revolut che ha confermato che i suoi clienti possono aggiungere denaro utilizzando le carte di credito. Gli operatori devono quindi mettere in atto sistemi per prevenire i pagamenti di gioco da questi prodotti. Tuttavia, è importante notare che potrebbero esserci altre attività di moneta elettronica che gestiscono un servizio simile a Revolut e che consentono anche ai loro clienti di effettuare depositi con carta di credito che potrebbero essere utilizzati per il gioco.

Si ricorda pertanto agli operatori che devono intraprendere le seguenti azioni prima di accettare i pagamenti dei clienti tramite qualsiasi MSB (anche attraverso qualsiasi strumento di pagamento con carta emesso da tali MSB ai propri clienti): gli operatori devono accertare che i clienti di tale MSB non possano finanziare i loro conti elettronici o portafogli elettronici con depositi con carta di credito e quindi utilizzare tali fondi per il gioco; gli operatori dovranno rifiutare tutti i pagamenti effettuati tramite tali MSB che non hanno sviluppato un “blocco” per impedire che i depositi con carta di credito vengano utilizzati per il gioco d’azzardo attraverso le proprie strutture di account elettronico o portafoglio elettronico”.