Print Friendly, PDF & Email

La Gambling Commission britannica sta supportando nuove ricerche per scoprire se alcuni prodotti e ambienti di gioco d’azzardo sono più dannosi di altri.

Le informazioni sull’attività di gioco d’azzardo dei consumatori saranno utilizzate come parte di un vasto progetto di ricerca, sostenuto congiuntamente dai consulenti esperti della Responsible Gambling Strategy Board (RGSB), e commissionato da GambleAware.

Agli operatori del gioco d’azzardo verrà chiesto di fornire i dati in modo che possano essere utilizzati per capire in che modo i prodotti, gli ambienti e le caratteristiche variano, e, soprattutto, identificare quelli più associati al gioco dannoso. L’obiettivo è quello di richiedere strategicamente i dati dagli operatori che possono essere potenzialmente riutilizzati, se del caso, per ulteriori progetti di ricerca.

Lavorando con la Commissione, RGSB ha pubblicato una relazione che illustra l’approccio proposto alla ricerca. Una volta che il gruppo di ricerca sarà operativo, gli operatori saranno contattati dalla Commissione per spiegare come possono essere coinvolti in una fase iniziale.

Ben Haden, direttore del programma presso la Gambling Commission, ha dichiarato: “La nostra strategia definisce il nostro impegno a prevenire danni ai consumatori dai rischi che il gioco d’azzardo può rappresentare. Il successo di questo si basa sulla crescita della nostra base di prove per comprendere meglio i tipi di prodotti e servizi di gioco d’azzardo che presentano più di un rischio di danno per i consumatori rispetto ad altri. Le aziende che offrono gioco d’azzardo hanno un ruolo importante da svolgere nel raggiungimento di questo obiettivo perchè detengono dati esaurienti che sono vitali per questa ricerca. Si va oltre la semplice analisi dei dati che ci sono già stati segnalati dagli operatori e incoraggeremo l’industria a essere coinvolta”.

Clare Wyllie, direttore della ricerca commissionata da GambleAware, ha dichiarato: “GambleAware è lieto di collaborare con la Gambling Commission e il Responsible Gambling Strategy Board su un progetto che ci aiuterà a comprendere meglio il comportamento di gioco su diversi prodotti e a conoscere quali sono le caratteristiche più fortemente associate al danno – concentrandosi sul settore online nella prima fase e passando ad altri settori nelle fasi successive. Per la prima volta, saremo in grado di guardare in modo completo attraverso l’industria del gioco d’azzardo per capire dove si trova il rischio di danno e mettendo i dati a disposizione dei ricercatori, l’industria può acquisire nuove conoscenze per prevenire i danni e garantire ai clienti il ​​gioco sicuro”.

Commenta su Facebook