Dopo la convocazione in Tribunale per i ritardi nell’attuazione del piano che dovrebbe portare alla ripersa delle attività, i rappresentanti della casa da gioco di Campione hanno confermato l’intenzione di riaprire il Casinò entro la fine dell’anno, raggiungendo quindi l’obiettivo prefissato con il piano concordatario che ha permesso di evitare il fallimento.

Il giudice delegato del Tribunale di Como, Marco Mancini, voleva vederci chiaro “date le fortissime perplessità” sul rispetto della scadenza per la riapertura e ieri ha convocato un’udienza. Se il giudice ha sottolineato le inadempienze rispetto alle tappe del piano per la riapertura, i rappresentanti della casa da gioco hanno garantito che risolveranno i problemi e che entro il 31 dicembre il Casinò di Campione sarà riaperto. Il Tribunale continuerà a monitorare la situazione per controllare che effettivamente le scadenze siano rispettate.

Il giudice della Prima sezione civile fallimentare del Tribunale di Como aveva contestato tra le altre cose la mancata formalizzazione dei contratti di fornitura indispensabili per la ripresa delle attività della casa da gioco, a partire dall’assunzione del personale e dall’attivazione di servizi come la pulizia, la ristorazione o la manutenzione delle slot machine. La società di gestione assicura che tutti i passi saranno completati nei tempi previsti. La prossima tappa dovrebbe essere il bando per assumere i dipendenti della casa da gioco.

E’ quanto si legge su espansionetv.it.