Nell’ambito dell’attività di controllo degli esercizi pubblici nei quali viene svolta l’attività da gioco per mezzo degli apparecchi con vincita in denaro, predisposta quale azione di prevenzione e di contrasto al crescente fenomeno della ludopatia e di repressione del gioco illegale, personale della Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Treviso, a conclusione di tale attività di polizia svolta in questi ultimi 2 mesi nei confronti di 15 esercizi pubblici, ha proceduto alla contestazione di violazioni di natura amministrativa nei confronti di alcuni esercizi ubicati in questo capoluogo.

Advertisement

Sono state rilevate in 6 distinti esercizi tra sale pubbliche da gioco e bar, hanno riguardato principalmente l’inosservanza delle disposizioni stabilite dall’Ordinanza del Sindaco di Treviso che vieta l’accensione ed il gioco delle apparecchiature denominate “New Slot” e “Video Lottery Terminal” al di fuori delle fasce orarie consentite.

In due casi specifici è stata riscontrata la recidività annuale del trasgressore che sarà punita con la sospensione dell’attività da gioco da 1 a 7 giorni. Seguiranno analoghe iniziative nei confronti di altri esercizi pubblici del settore al fine di contrastare ogni forma di illegalità sia di natura amministrativa che penale.